Ulisse.”L’Arte e il mito”Il racconto del grande viaggio da Omero a De Chirico,da Dante a Kubrick

Ulisse

“L’arte, figurandolo, ha trasformato il mito. E il mito ha raccontato la forma dell’arte”. .

Con queste parole Gianfranco Brunelli, coordinatore generale Grandi Mostre Fondazione Cassa di Risparmio di Forlì, commenta la mostra “Ulisse.

L’Arte e il mito. Il grande viaggio raccontato da Omero a De Chirico”, in allestimento ai Musei San Domenico di Forlì.

Dal 15 febbraio al 21 giugno 2020 capolavori di ogni tempo, dall’antichità al Novecento, dal Medioevo al Rinascimento, dal naturalismo al neo-classicismo, dal Romanticismo al Simbolismo, fino alla Film Art contemporanea racconteranno il viaggio di Ulisse nell’arte e il viaggio dell’arte nel mito.

Un percorso emozionante, poiché Ulisse siamo noi, la nostra voglia di rischiare, di conoscere, di andare oltre.

Una mostra che solo i grandissimi musei internazionali sanno programmare, la cui essenza è nel XXVI canto della Divina Commedia, quello dell’Inferno in cui Dante incontra Ulisse. 

Questo lo spunto di una mostra che da lì parte per espandersi allo Stanley Kubrick di “2001 – Odissea nello spazio”, al capitano Acab di “Moby Dick”, alla città degli Immortali di Borges, al Tasso della “Gerusalemme liberata”, alla Ulissiade di Leopold Bloom, l’eroe del libro di Joyce che consuma il suo viaggio in un giorno, al Kafavis di “Ritorno ad Itaca”, là dove spiega che il senso del viaggio non è l’approdo ma è il viaggio stesso, con i suoi incontri e le sue avventure.

Ulisse

Il tema di questa mostra, che già si preannuncia eccezionale per livello dei prestiti e per qualità dell’allestimento, è assolutamente affascinante“Una mostra dove la grande arte non appare ancella, per quanto meravigliosa, della storia e del mito e non ne è mera illustrazione”, sottolinea Gianfranco Brunelli.

“Ma evidenzia come dalla diretta relazione tra arte e mito, attraverso la figura paradigmatica di Ulisse, nasca e si rinnovi il racconto”.

Pubblicato da Appunti di Zelda

Nata alla fine degli anni novanta nel mese dove la primavera è nel suo massimo splendore. Mi nutro di letteratura orientale e adoro leggere graphic novel. Amo passare il mio tempo nei musei,librerie e mostre. Aspiro a diventare una brava fotografa e una giornalista. Scrivo per Appunti di Zelda, il mio piccolo angolo dove parlo di viaggi, eventi e cultura.