Sbrisolona

Sbrisolona: storia, curiosità, ingredienti e libri consigliati

Conosci la storia della Sbrisolona? La sbrisolona è un dolce tipico mantovano che si può trovare anche nelle zone della Emilia-Romagna, nel Veronese e in tutta la Lombardia. Le sue origini risalgono nel lontano XVI secolo, un dolce principalmente originario legato al mondo contadino, tuttavia questo dolce era presente alla Corte dei Gonzaga, una delle famiglie più importanti di Mantova e del Rinascimento Italiano.

Sbrisolona
Sbrisolona – Pic Adobe Stock Free

L’origine, gli ingredienti e curiosità della Sbrisolona

Questa torta veniva preparate in occasioni speciali come la nascita di un bambino o una promessa di matrimonio, così da essere conservata nel tempo. I suoi ingredienti si arricchirono quando il dolce entrò a far parte nella corte dei Gonzaga con l’aggiunta di zucchero, spezie e mandorle. Nella tradizione lombarda viene definito “Torta delle tre tazze“, proprio perché ogni ingrediente era pari alle tazze usate: farina gialla, farina bianca e zucchero. Mentre nel tempo la ricetta è stata modificata preferendo il burro anziché lo strutto e meno farina di mais.

La sua etimologia in dialetto mantovano significa briciola. Chiamata sbrisulòna, sbrisolìna o rosegotta in Veneto, proprio perché si sbriciola facilmente fra le mani ed è un dolce delicato, ricorda molto il sapore delle Ciambelle di Staghiglione.

Sbrisolona
Bartolomeo Stefani – L’origine, gli ingredienti e curiosità della Sbrisolona

Perché è un dolce che nel tempo faceva parte dell’alimentazione nobiliare? E’ grazie a Bartolomeo Stefani (articolo super interessante per chi vuole approfondire la storia di uni dei cuochi più importanti del seicento) capocuoco della Serenissima Repubblica di Venezia, che operò durante la sua vita nelle corti dei signori più raffinati dell’Emilia e della Lombardia, tra cui i Gonzaga di Mantova.

In questo periodo scrive un libro dal nome “L’arte di ben cucinare et istruire i men periti in questa lodevole professione”, dedicato ad Ottavio I Gonzaga principe di Vescovato. Nella sua versione sostituisce le nocciole con le mandorle e arricchendo l’impasto con vaniglia, zucchero e limone, catturò così l’attenzione dei Gonzaga da qui venne valorizzato al massimo.

La Torta Sbrisolona viene immerso nella grappa o in un vino liquoroso come il Malvasia, il Vin Santo o il Passito di Pantelleria, per esaltare così il sapore dell’impasto e apprezzare meglio tutto l’insieme.

Ti consiglio 3 libri per approfondire la cucina

  • Cucina mantovana di principi e di popolo. Testi antichi e ricette tradizione, puoi acquistarlo su Amazon
  • La fame e l’abbondanza. Storia dell’alimentazione in Europa, puoi acquistarlo su Amazon
  • A tavola nel Medioevo. Con 150 ricette dalla Francia e dall’Italia, puoi acquistarlo su Amazon

Conoscete la torta Sbrisolona? Scopri la rubrica LocaliDove Mangiare e Ti Parlo di Genova, seguimi sulla pagina Facebook per essere aggiornati su tutte le novità della pagina o in alternativa puoi trovarmi su Instagram e Twitter.

Heinz Beck diceva che la cucina non è mangiare. È molto, molto di più. Cucina è poesia. Per me la cucina è ben oltre le apparenze, è un gesto d'amore e così nascono le mie ricette insieme a tutte le foto correlate. Sono Zelda e dal 2013 gestisco il blog chiamato Appunti di Zelda. Scrivo di ricette, libri e di viaggi con occhio principalmente legato ai piatti e tipici locali di ogni luogo che visito. Sono anche un'amante della birra e bevo troppi caffè e infusi, oltre a curiosare tra scatti e studiare diverse tipologie di cucine.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.