Monstress
Libri e Fumetti

Review Party: Monstress Vol.1 di Marjorie Liu e Sana Takeda

Buongiorno lettori, oggi sul blog inizia il review party dedicata al mondo di Monstress di Marjorie Liu e Sana Takeda edito da Oscar Mondadori.

Monstress Vol.1 di Marjorie Liu e Sana Takeda

Monstress

Titolo: Monstress
Autrici: Marjorie M. Liu e Sana Takeda
Casa Editrice: Mondadori
Traduttrice: Chiara Libero
Pagine: 208
Prezzo di copertina: 18,05
Data di uscita: 16 maggio 2017
Link di acquisto: Qui

Maika è una sopravvissuta. La guerra si è presa il suo braccio sinistro. Ora lo spaventoso potere che è in lei vuole prendersi il resto. Tra steampunk e Kaiju, l’acclamata, sontuosa, magnifica rivelazione del fumetto nippo-americano.

Monstress

Recensione Monstress – Risveglio

Uno splendido racconto di magia e paura, crudeltà e sottomissione, che rivela cosa sia la natura umana e quali mostri alberghino in tutti noi”, così cit uno dei migliori maestri del fantasy del fumetto, Neil Gaiman,  descrive Monstress.

Effettivamente è così, ma andiamo per gradi.

Monstress è l’unione di due autrici, Majorie Liu Sana Takeda, capaci di mescolare diverse influenze come quelle orientali e occidentali, creature zoomorfe e quella di una versione umana barba e meschina.

Monstress

Saprete per chi ovviamente segue il mondo del fumetto, che sia Majorie Liu e Sana Takeda hanno in mondo immaginario particolare e per giunta hanno già fatto la loro presenza sul fumetto Marvel X-23, popolato da tre diverse razze differenti che non convivono in modo pacifico.

Ma vediamo nei dettagli in Monstress abbiamo l’unione di Umani e Antichi Dei, da questi sono nati gli Arcanici, i mezzosangue che mantengono nei loro corpi delle caratteristiche di alcuni animali, che possono essere quelle della volpe, volti da ciclopici, ali da corvo, corna da ariete e altri retaggi che delineano e segnano il soggetto al primo sguardo.

Ovviamente non vige un clima di capace fra Umani e Arcanici, infatti a mantenere questa difficile pace tra quest’ultimi, ci sono le Cumaea, una piccola congrega di potenti streghe. Nata principalmente come piccola comunità di ordine religioso da tredici adepte di Marium, una donna della Galilea dotata di poteri psichici.

Le Cumaea, nel tempo sono riuscite a diventare potenti e soprattutto con l’abilità di estrarre il lilium, un’essenza magica contenuta nelle ossa degli Arcanici, viene utilizzata per scopi medici ed alchemici.

Qui conosciamo la protagonista del fumetto, Maika Halfwolf, un’arcanica pericolosa e misteriosa: dal suo braccio amputato infatti, in alcune situazioni, spunta un Antico Dio a forma di cavolo che ricorda molto il famoso semi-dio dormiente Cthulhu di Lovecraft e i Kaiju giapponesi, dotato di un grande occhio osservatore e svariati tentacoli, da questi ultimi ha la possibilità di nutrirsi di vite umane.

Monstress comincia con le vicende della cattura e della fuga di Maika dal quartier generale delle Cumanea, in cui è imprigionata con altri arcanici. La ragazza si ribella per cercare di scoprire la verità, principalmente sul suo passato e sulle origini del mostro che le accompagna sin dalla nascita.

Durante il suo viaggio incontrerà due aiutanti, o se vogliamo chiamarli con il nome giusto di ogni tradizionale fantasy, si chiamano famigli: la piccola volpe e bambina, Kippa e il gatto a due code, il nekomancer Ren Mormorian. Gli ultimi due citati riescono a distogliere la parte horror-splatter del fumetto,con i loro battibecchi riescono a equilibrare la storia meno cruente.

Lo stile di narrazione è sicuramente particolare e lineare: il lettore comincia ad acquisire le informazioni e gli eventi che accadano all’interno della storia per gradi come un mosaico, che all’inizio potrebbe annoiare ma dal terzo volume in poi aiuterà molto con la serie di eventi che accadranno nel futuro.

Monstress

Una cosa che risalta molto questa graphic novel, sono le bellissime e meravigliose ambientazioni in steampunk, dalle riconoscibili anacronistici tecnologie o retrofuturistic, dalle città con capitelli e architetture neoclassiche tipiche del periodo vittoriano, e fantasy con le classiche ambientazioni con boschi e dai villaggi dallo stile medievale e cavalli come mezzi di trasporto.

Sfoggia e la cura dei dettagli anche per i tessuti delle abiti delle streghe Cumaea e dei cittadini o comunque degli stessi personaggi della storia, ma anche da quel tocco nipponico che contrasta il colore oro che predilige i diversi abiti.

Monstress piacerà per gli amanti del dark fantasy e del steampunk, ma anche per chi è alla ricerca di una storia di avventura dove viene svelata a poco a poco, attraverso colpo di scena, nuove scoperte e preziosi dettagli all’interno della storia.


Un ringraziamento speciale a Oscar Mondadori per avermi omaggiata della copia digitale.

Monstress

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.