Libri e Fumetti

Recensione Ritmo lento in fondo al mare di Valerio Pastore

“Ma un giorno sotto sale / una sorpresa venne dal mare / dal fondo di uno scoglio / nero di seppia come il petrolio” (Vinicio Capossela, Canzone a Manovella)

“Il capitano, la sirena e la balena”, Ritmo lento in fondo al mare.

Ho riletto una seconda volta con la canzone Manovella e mi sono immersa dentro la graphic novel ,questa è la storia immortale di un amore tra un capitano e la sua salvatrice ovvero una sirena,ella incarna lo spirito degli abissi marini.

Il mare per quanto possa essere fedele, può nascondere un lato negativo a chi lo accompagna.

Il Capitano Vinicio fa di tutto pur di raggiungere la sua salvatrice e la sua amata,rinunciare il tutto per un amore cieco e donandosi se stesso e la sua anima al suo unico amore,il mar stesso.

Eppure mentre leggevo ero un pò triste, il suo continuo cercar,la cerca,la sogna .. insomma ha bisogno di lei a tutti i costi. La parte fondamentale o meglio la frase chiave è proprio il messaggio del capitano che scrive “Lasciati amare come amo il mare”,una dichiarazione davvero stupenda e in tutto ciò , ogni pagina sprigiona tantissime emozioni. Per quanto riguardo la storia in generale , sprigiona un amore dolce e chiaro come il mare ,ma che allo stesso tempo spietato come il vento.

Vi consiglio di leggere e immergervi nella storia “Ritmo lento in fondo al mare”, con la canzone sottofondo con le cuffie , potrete immaginare la storia con questo buona lettura.

Sotto trovate la canzone di Vinicio Capossela “Canzone a Manovella”

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.