Libri e Fumetti,  Letteratura orientale

Recensione Memorie di una Geisha di Arthur Golden

Al tempio c’è una poesia intitolata “la mancanza”, incisa nella pietra.
Ci sono 3 parole, ma il poeta le ha cancellate.
Non si può leggere la mancanza, solo avvertirla.
—Memoria di una Geisha

Sono sempre stata affascinata dal Giappone, in modo particolare al mondo della Geisha.

E’ un mondo segreto, misterioso ed enigmatico ma pur sempre affascinante. La parola geisha dal giapponese significa “persona versata nelle arti”.

Nella società giapponese il ruolo di essa è diversa dal modo in cui gli occidentali interpretano questa ruolo, tanto da ridurlo banale e viste come prostitute d’alto bordo e per soddisfare il piacere sessuale di ricchi e prestigiosi esponenti della società nipponica.

La storia

Il libro si apre con la voce narrante di Chiyo (a seguire ribattezzata Sayuri) narra la sua ascesa da bambina nata in una famiglia povera di un piccolo villaggio di pescatori per diventare la geisha più ricercata di Kyoto.

All’età di nove anni lei e sua sorella Satsu vengono vendute da uno sconosciuto,

Sayuri sarà data all’okiya per intraprendere la vita da geisha, ma in tanto tenta la fuga con sua sorella, ma ella non riuscirà e si rassegnerà.

Nel frattempo giunge la notizia della morte dei genitori e Satsu è riuscita a scappare, l’unica cosa rimasta a lei l’okiya.

Un giorno avviene un incontro con un uomo così affascinante ed elegante chiamasi Presidente, cambierà il suo scopo della vita quello di diventare Geisha.

Successivamente Sayuri verrà reintrodotta nell’apprendistato,

grazie all’aiuto di una delle geishe più importanti del quartiere Mameha.

Così la ragazza frequenterà la scuola per imparare tutto su quest’arte come la danza, l’arte della cerimonia del tè e lo shamisen(strumento musicale a tre corde);

il duro lavoro di Sayuri sarà ricompensato diventando una delle donne più desiderate di Kyoto, grazie anche a una sua particolarità così rara e ingenua,

Memorie di una Geisha

gli occhi azzurri che la renderanno speciale e desiderata da chiunque, ma anche invidia per altre come Hatsunomo e farà di tutto per ostacolare il suo percorso.

La parte più bella del romanzo è l’incontro con il Presidente e la danza di Sayuri che suscita bellezza, eleganza e raffinatezza.

Catapultata nel Giappone degli anni 30 e fra i vicoli di Gion e le descrizioni dettagliate di Golden mi ha lasciato un amore intenso, queste donne misteriose che sfoggiano kimoni costosi e elaborate pettinature.

Se sei un amante della lettura non perderti le altre recensioni nella categoria “Letteratura”

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.