Libri e Fumetti

Recensione Insecto di Maria Llovet

Ben ritornati lettori, oggi vi parlerò l’ultima graphic novel di Insecto di Maria Llovet edito da BD.

La graphic novel ci narra la storia di un amore proibito tra Lea e Lucas, fratello e sorella. L’opera ci narra la quotidianità dei due adolescenti. È un racconto che coinvolge pienamente il lettore nonostante i temi fuori canone, che si scontra ancor’oggi e rappresenta ancora un argomento tabù per la società odierna.

Maria Llovet mette in evidenzia la purezza e la complicità del sentimento nato tra i due adolescenti, un sentimento simile a quello di una normale storia d’amore tra coetanei, con un pizzico di malinconia che si avvina alla citazione di Juan Ramon Jiménez.

E tu mi dirai: Che hai? E io terrò lo sguardo al suolo. E tu mi dirai: Che hai? E io guarderò verso il cielo. E mi sforzerò di sorridere – e tu ti spaventerai – e io mi sforzerò di sorridere per dirti: Non è niente…

Juan Ramòn Jimenez

Maria Llovet

E’ interessante come viene rappresentata nelle prime pagine l’ossessione di Lucas per Lea, mostrando al lettore, come un forte voyerismo , ciò che il ragazzo riesce a scorgere nel buco della serratura, qualcosa come il sogno, il desiderio, l’ossessione e quell’oscurità di oggetto del desiderio che è sua sorella, che desidera ardentemente, ma quando lo ottiene per la prima volta si sente impotente davanti alle sue parole e azioni, senza essere in grado di muoversi di un centimetro per raggiungere qualcosa che è finalmente è suo e riesce a toccare.

Che hai da guardare? Ti piaccio così tanto?

L’arte di Maria Llovet è un continuo evolversi, lasciando dietro di sé le influenze giapponesi, con sfumature scure per poi trasformarsi gradualmente in uno stile europeo e omaggia a uno dei classici dei fumetti italiani: Valentina di Guido Crepax.

Al livello visivo l’autrice ha scelto di utilizzare delle vignette orizzontali, pe poi zoomare ad arrivare con primi piani dando priorità a particolari fisici che portano il lettore a sentire l’emozioni provate dagli stessi protagonisti del fumetto. Abbiamo pochi dialoghi, ma come detto prima le vignette regalano emozioni dai classici, mettendo da parte se possiamo dire la narrazione. La storia è piacevole senza mai rendere l’argomento volgare o banale.

Vi ho parlato di Insecto di Maria Llovet

Maria Llovet

Lea e Lucas: fratelli travolti dai conflitti familiari, dai dubbi dell’adolescenza, dagli istinti inspiegabili e irrefrenabili che riempiono i loro giorni. L’unica certezza è il legame che li unisce e che non permetteranno a nulla e nessuno di interrompere.

Iscriviti per non perdere la newsletter di fine mese

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.