Libri

La fine dell’estate di Giulio Macaione

La fine dell'estate

La fine dell’estate Recensione

Carlo, Elena e Teo vivono lontani, separati dalle scelte di vita e da quelle professionali. L’occasione perfetta per ritrovarsi è un viaggio nella propria terra natale, un momento per ritrovare quelle dolci emozioni che si perdono quando si diventa adulti.

Un nuovo viaggio che si rivelerà ricco di sorprese, nuove avventure e un risveglio di vecchi sentimenti mai soppressi che li accompagno fino alla fine della stagione che rappresenta anche l’inizio di una nuova fase di vita per i tre protagonisti.

Giulio Macaione in pochissime pagine riesce a realizzare un racconto che tocca moltissimo il lettore, cattura l’essenza di una settimana estiva vissuta da un gruppo di amici ormai prossimi a diversi cambiamenti.

Il ritratto perfetto di un gruppo che vanno incontro alle proprie responsabilità, le insicurezze e le paure che li circondano, ma cercando di ritornare per un momento a un’adolescenza che ormai sembra essere svanita o si perda tra i dolci ricordi.

La fine dell’estate

  • Titolo: La fine dell’estate
  • Autore: Giulio Macaione
  • Editore: auto-pubblicato
  • Prezzo: €5,90
  • Pagine: 32
  • Data di pubblicazione: 3 Novembre 2016
  • Link di acquisto: Qui
  • Trama: Tre amici di sempre si incontrano in Sicilia per l’ultimo week end estivo, ritrovando vecchie emozioni e un legame ancora forte. Ma l’estate è una parentesi che sta per chiudersi, la vita nel frattempo va avanti e cambia. Una storia intima e delicata sull’amicizia e la nostalgia
La fine dell'estate
La fine dell’estate

ti ricordi quanto tutto era semplice qualche anno fa?

L’autore riesce a realizzare dei personaggi ben definiti e realistici in poche battute, facendo immedesimare e suscitare diverse emozioni in modo da coinvolgerci appieno nella storia. Fattore importante è quella di accompagnare il viaggio attraverso una playlist musicale, disponibile anche su Spotify, una vera e propria collezione di canzoni adatte per una tipica vacanza estiva.

 Dal punto di vista grafico il fumetto presenta la scelta della bicromia nei toni del blu e del giallo ci ricorda l’aria estiva e il calore del sole sulla pelle, mentre in risalto spicca lo stile elegante, realizzato con tratti sinuosi e chiari, dove vengono ben definiti ogni personaggio, fatti di sguardi, espressioni ed emozioni.

 La fine dell’estate è una storia breve, dura pochissimo come le storie estive, ma lascia un segno inconfondibile.

Cosa ne pensate voi? Conoscete questo autore?

La fine dell'estate
La fine dell’estate

Heinz Beck diceva che la cucina non è mangiare. È molto, molto di più. Cucina è poesia. Per me la cucina è ben oltre le apparenze, è un gesto d'amore e così nascono le mie ricette insieme a tutte le foto correlate. Zelda's Kitchen è un blog che sposa tre passioni: l'amore per la cucina, i viaggi, l'arte e i libri.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.