Costanza Sicanie Regina
Blogtour

Blog Tour: Il contesto storico – Costanza sicanie regina di Sonia Morganti

Buongiorno lettori, eccoci in un nuovo appuntamento con una nuova tappa dedicata al romanzo di Costanza sicanie regina di Sonia Morganti. La tappa di cui mi occuperò oggi è il contesto storico on cui è ambientato il romanzo.

contesto storico
contesto storico
  • Titolo: Costanza Sicanie Regina
  • Autore: Sonia Morganti
  • Prezzo cartaceo: 12,48€
  • Prezzo ebook: 2,99€
  • Link di acquisto: Qui

Anno 1209. Costanza è una vera Aragona: è colta, intelligente e dotata della tenacia necessaria a sopravvivere sul trono. Dopo la drammatica fine del periodo come regina d’Ungheria, fatica a rassegnarsi a una vita quieta, ospite nel chiostro fondato dalla madre. Cosa può aspettarsi dal domani? Costanza ormai ha venticinque anni ed è già vedova.

Proprio tali caratteristiche attirano però le attenzioni del Papa, che vede in lei la consorte ideale per tenere a freno un ragazzo duro a morire, erede di due corone che, se riunite, circonderebbero i suoi territori.

Così, sotto il sole schietto e il colori intensi di Palermo, le vite del giovane Federico II – quindici anni appena e già sopravvissuto a un mare di guai – e di Costanza d’Aragona – dieci anni in più sulle spalle, la metà dei quali trascorsa regnando – si intrecciano in un bizzarro arazzo. Perché se progettare è umano, scombinare i piani è divino.

È la storia di una coppia che diventa invincibile essendo improbabile, ma anche di un saraceno che desidera troppo, di una fanciulla che incanta, di una madre che ama e di un’altra che, morendo, ha imbevuto il proprio nome di un potere quasi magico.

In questo blogtour ci si renderà conto che Costanza Sicanie Regina è un libro che profuma di zagare e cannella, che risuona di parole poetiche in lingue nascenti ma, soprattutto, esplora la forza profonda e creatrice che si può sprigionare da una donna che non ha paura di vivere a pieno il suo presente e la sua seconda, inattesa possibilità.

Contesto storico-sociale

l 200 segna la fine delle invasioni barbariche, tutto torna alla normalità come le attività artigianali, ritorna il commercio, l’aumento e produzione dell’agricoltura torna alla normalità e c’è un aumento demografico.

Nasce una nuova classe sociale la borghesia, formata dagli abitanti leggermente più ricchi che si affiancano alla classe della nobiltà feudale, al clero e a quella dei contadini. I borghesi qualche tempo dopo si riuniscono in associazioni chiamate Arti o Corporazioni, di cui fanno parte tutti coloro che svolgono le stesse attività economica o la stessa professione. – una specie di sindacato/assicurazione).

Dal punto di vista politico nei Comuni nascono i consoli e i podestarile, mentre nella seconda metà del Duecento nascono le Signorie.

In questo periodo perdono potere L’Impero e il Papato;

Il Sacro Romano Impero che controllava la parte centrale dell’Europa settentrionale e l’Italia del nord, si trova a fronteggiare la Chiesa e i Comuni italia che nel 1183 con la pace di Costanza ottennero la loro libertà. In questo periodo si susseguono diversi imperatori come Federico I Barbarossa, Enrico, Federico II(1194-1250) e suo figlio Manfredi;

La Chiesa cerca di imporre la sua autorità su l’Impero, grazie ai due papi che instaurano diverse alleanze con la monarchia francese, questi furono Innocenzo III e Bonifacio VIII;

In Inghilterra invece con Giovanni Senzaterra, sovrano dell’Inghilterra del 1215, concede la Magna Carta Libertatum che limita il potere della corona;

Le città italiane in questo periodo sono in continuo contrasto e guerra tra le due fazioni dei Guelfi (filopapale) e Ghibellini (filoimperiale). Ricordiamo la battaglia di Montaperti del 1260, dove i guelfi fiorenti furono sconfitti dai ghibellini toscani guidati da Farinata degli Uberti e aiutati delle truppe di Manfredi e dalle truppe senesi;

Nel 1233 nasce il Tribunale dell’Inquisizione.

contesto storico

Contesto culturale

La lingua volgare viene utilizzata anche nelle opere letterarie;

Nell’Italia settentrionale c’è una ripresa della poesia in lingua d’oc e d’oil grazie ai trovatori e giullari;

Nasce la poesia religione, come lauda, il componimento più famoso è quello di San Francesco d’Assisi. Il Cantico delle creature, un inno di lode, scritto in volgare umbro, in cui il santo invita a lodare il Signore per tutte le opere da lui create, che sia belle, brutte, piacevoli o dolore, chiamandole fratello e sorella;

Nel frattempo grazie a Federica II di Svevia, fonda la scuola siciliana (1230-1250). In questa scuola vi sono alcuni autori che hanno in comune le stesse tematiche, ovvero il tema dell’amore per la propria dama, vista come un modello di virtù e perfezione da adorare e amare a distanza e viene recitata attraverso la poesia provenzale.

“Amor è un desio che ven da core” – Jacopo da Lentini

In Toscana si afferma il Dolce Stil Novol con autori del calibro Guido Guinizzelli con “Io voglio del ver la mia donna
laudare”, Guido Cavalcanti e Dante Alighieri con “Tanto gentile e tanto onesta pare”.

Questi autori esprimo l’amore attraverso un nuovo modo di comporre: l’amore assume una dimensione spirituale e viene inteso come un qualcosa di perfetto e angelico. La stessa donna assume l’aspetto di una donna gentile, cioè nobile e virtuoso; come un angelo, creatura perfetta che è capace di suscitare sentimenti tanto profondi da arrivare sino a Dio.

In contemporanea al Dolce Stil Novo si sviluppa la poesia comico-realistica, nata con lo scopo rappresentare i sentimenti e gli aspetti più comuni, anche quelli più volgari.

Il massimo rappresentante fu Cecco Angiolieri che scrisse “S’i’fosse
foco”.

I temi sono: l’amore carnale, la donna come creatura terrena,
esaltazione del gioco d’azzardo e del denaro.

E’ in questo periodo che nasce Il Milione, il resoconto dei viaggi in Asia di Marco Polo, intrapresi assieme al padre Niccolò Polo e allo zio paterno Matteo Polo, mercanti e viaggiatori veneziani, tra il 1271 e il 1295.

Ciamabue sarà l’autore del quadro il Cristo Crocifisso.

Il progresso della società portò anche a un rinnovo nell’ambito architettonico, lo stile gotico diffuso in Francia e poi in tutta l’Europa.

Spero che la mia tappa sul  contesto storico vi sia piaciuta! A presto.

Segui le altre tappe del blog tour

contesto storico

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.