Fondazione e Terra
Libri e Fumetti

Review party: Fondazione e Impero – Il ciclo completo di Isaac Asimov

Buon pomeriggio lettori, nella recensione precedente abbiamo parlato di Prima Fondazione. Oggi invece parliamo di Fondazione e Impero e conosciamo anche il personaggio chiamato “Il Mulo”, personaggio fondamentale in questa prima parte della trilogia del Ciclo Completo di Asimov


Vi ricordo nuovamente la linea guida per leggere i libri di Asimov:

  • Preludio alla Fondazione (1988), Qui la recensione.
  • Fondazione: Anno Zero (1993)
  • Cronache della Galassia (1951)
  • Il Crollo della Galassia Centrale (1952)
  • L’Altra faccia della Spirale (1953)
  • L’Orlo della Fondazione (1982)
  • Fondazione e Terra (1986)

Fondazione e impero

Trama: Il ciclo originale della Fondazione venne pubblicato tra il 1951 e il 1953, subito acclamato come un capolavoro della fantascienza. Trent’anni più tardi tra gli anni ’80 e ’90 del novecento sono stati pubblicati i due romanzi che costituiscono il prequel della saga. Per la prima volta in questo volume è disponibile l’intera saga

Acquista il romanzo, Qui.

Recensione Fondazione e Impero

 In media, su ogni pianeta, ci sono cinque o sei pezzi grossi che mandano avanti la baracca. Questi vengono eliminati e io non perdo certamente il sonno per loro.

Avete capito? E il popolo? E la gente comune? Certo, qualcuno ci rimette la pelle e gli altri pagheranno per alcuni mesi un po’ più di tasse. Ma in breve tempo la situazione si normalizzerà. E poi tutto ritornerà come prima solo con cinque o sei pezzi grossi diversi.

L’Impero galattico è crollato. Tutto ciò che aveva teorizzato Seldon si è avverato. La psicostoria, che viene riconosciuta come scienza di previsione del futuro, la scienza sociologica più attendibile che mai sia stata creata, abbia fallito?

All’interno de “Il crollo della galassia centrale” abbiamo modo di conoscere nella prima parte un giovane generale, misterioso che senza alcun ostacolo riesce a sottomettere ogni potere e ogni nemico.

Questo capitolo è il seguito di Cronache della Galassia, e si parla principalmente di come sono formati i mutanti. Lo stile di Asimov si trasforma nuovamente e prende il sopravvento lo stile descrittivo in modo da farci appassionare a questa nuova storia della trilogia. Ci ricorda che nonostante la scienza riesca a costruire e scoprire qualsiasi cosa può essere distrutto da un momento all’altro da un solo uomo.

Ammettiamolo, la tecnologia potrà superare qualsiasi cosa al mondo ma non batterà mai la natura. Che ne pensate?

Ma chi è il Mulo?

Il Mulo è presente nei romanzi Fondazione e Impero e Seconda Fondazione, e successivamente ne L’orlo della Fondazione, in cui se ne narrano le origini. In Fondazione e Impero impersona anche il ruolo del clown Magnifico Giganticus.

I dettagli vengono rivelati lungo tutto il romanzo, lasciando dei dettagli misteriosi sino alla conclusione di Fondazione e Impero. Sappiamo che è un mutante, un uomo deforme.

FONDAZIONE E IMPERO

Un volto che sembra teso sul cranio si estende un naso lunghissimo: è abbastanza basso e incredibilmente magro, con giunture che sporgono da arti sottili e deformati; è impossibile fissarlo senza deriderlo.

L’unica parte del corpo che suscita ammirazione sono i suoi occhi, marroni, profondi e perennemente tristi. Il suo desiderio di conquista è la conseguenza di un’infanzia triste e emarginata. Una volta scoperto i suoi poter mentali, li sfrutterà per soddisfare il suo desiderio di conquistare l’intera Galassia, diventandone il padrone assoluto. Dal momento che nessuno ne conosce il vero nome, viene utilizzato un soprannome affidatogli a causa della sua testardaggine, che è anche un parallelo con l’aspetto dell’animale e un riferimento alla sua sterilità


Appuntamento fisso per la nuova lettura il 15 luglio! Alla prossima.


Avete letto Fondazione e Impero? Cosa ne pensate?

Il Ciclo Completo di Isaac Asimov:

  • BlogTour: Playlist del romanzo, Qui
  • Recensione: Preludio alla Fondazione, Qui.
  • Recensione: Fondazione Anno Zero, Qui.
  • Recensione: Prima Fondazione, Qui.

La copia digitale mi è stata omaggiata dalla casa editrice.

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.

One Comment

  • Amalia Ochiati

    Non so sai questo non mi convince tanto. Per alcuni libri é amore a prima lettura con altri nulla. Spesso leggo le trame e mi colpiscono con questo non è successo