Crea sito

Sapori D’Oriente: Edamame uso e controindicazioni

I fagioli di soia sono ricchi di proteine e vitamine, ma anche di controindicazioni. 

Nel’articolo precedente abbiamo parlato dell’alga wakame, in questo nuovo articolo oggi parleremo dei fagioli di soia.

L’edamame ha origini antichissime e il nome deriva dalle parole “eda”, che significa “rami”, e “mame” che significa “chicchi”.

Proprietà Nutrizionali

I fagioli edamame sono consigliati nelle diete per l’alto contenuto di vitamine.

Ci sono minerali come calcio, ferro, fosforo e sodio, e vitamine B e C.

Hanno un alto contenuto di fibra, ottimi per la diminuzione di colesterolo e ricchi di antiossidanti.

Controindicazioni

La soia può causare alcuni lievi effetti collaterali come stitichezza, gonfiore e nausea.

Può anche causare reazioni allergiche che comprendono sfoghi cutanei e prurito in alcuni soggetti.
Il consumo eccessivo della soia può portare alla generazione estrogeni nei nostri corpi.

Edamame utilizzata in cucina

I fagioli sono cotti, lessati o al vapore, per pochi minuti e consumati da soli leggermente salati, oppure all’interno di zuppe o insalate.

Senza essere estratti dal baccello e possono essere serviti raffreddati o talvolta caldi.

Il sistema più comune è di raffreddarli, cospargerli di sale.

Nella tradizione giapponese viene utilizzato il sale marino naturale chiamato arajio.

Il suo gusto è delicato, dolce e fresco. In Giappone viene consumato come snack accompagnati da birra.

 

Dove acquistare l’edamame?

Per acquistare la wakame potete trovarla nelle bio botteghe o nei negozi specializzati di prodotti orientali.

Pubblicato da Appunti di Zelda

Hi! I'm Zelda! Classe 99' Scrivo di letteratura e cucina orientale. Consiglio tè, tisane e infusi.Perennemente persa tra le nuvole, sognatrice di un paese chiamato Giappone e tipica sushi lover!

1 Risposta a “Sapori D’Oriente: Edamame uso e controindicazioni”

I commenti sono chiusi.