Videogiochi

A Life In Music (Android) – Recensione: Tra le note di Giuseppe Verdi #20

“A life in music”, un gioco per smartphone e tablet prodotto dal Teatro Regio di Parma. E’ disponibile gratuitamente su Play Store e App Store in italiano e inglese.

A Life In Music – Tra le note di Giuseppe Verdi

I due protagonisti Antonio e Silvia.
Antonio:
18 anni, taciturno e solitario, magro, spalle ricurve, appassionato di musica, col poster di Verdi in camera, vive insieme al cane Lulù abbracciato dall’affetto del padre , suona il pianoforte e sogna di diventare un musicista di successo.
Silvia:
19 anni, bella e spigliata, canta in una band indie rock, è abituata a vivere da sola col suo gatto in una casa grande e piena di oggetti di valore, i suoi genitori sono spesso via per lavoro, sogna di diventare una vocalist conosciuta in tutto il mondo.

A life in music - Teatro Regio di Parma
A Life In Music

Di cosa si tratta:
A Life In Music è una narrazione interattiva, un modo per conoscere la musica, un percorso di amicizia fra due giovani musicisti che nel 2008 avevano diciotto anni.
Un mix di insicurezze, allegrie e momenti da affrontare durante il percorso di vita, mentre la musica unisce questi due giovani.

Gli atti da giocare sono nove, ci sono momenti dove si può leggere e ascoltare, abbiamo la possibilità di vivere momenti particolari come piccoli atti di bullismo e scene familiari. È una storia ai giorni nostri tra amicizia e amore a cavallo fra due secoli. Conosciamo così la vita del compositore Giuseppe Verdi, raccontata attraverso disegni illustrarti e luoghi dove il maestro ha vissuto.

A life in music - Teatro Regio di Parma
A Life In Music

Mi ha colpito molto la struttura e le meccaniche della narrazione, c’è un grande equilibrio nell’alternanza fra le melodie verdiane e i momenti tecnologici. Consigliato per chi non fa differenza tra i generi musicali e vuole avvicinarsi a conoscere la vita di Verdi in modo piacevole e sereno.

Se ti fa piacere continua a seguirmi su Pocket Girl Reviews.

Heinz Beck diceva che la cucina non è mangiare. È molto, molto di più. Cucina è poesia. Per me la cucina è ben oltre le apparenze, è un gesto d'amore e così nascono le mie ricette insieme a tutte le foto correlate. Sono Zelda e dal 2013 gestisco il blog chiamato Appunti di Zelda. Scrivo di ricette, libri e di viaggi con occhio principalmente legato ai piatti e tipici locali di ogni luogo che visito. Sono anche un'amante della birra e bevo troppi caffè e infusi, oltre a curiosare tra scatti e studiare diverse tipologie di cucine.