Ciotola di riso sfumato

Ciotola di riso sfumato – Sarang: Il coraggio di amare

Oh hello! Benvenuti e ben ritrovati in una nuova ricetta di Zelda’s Kitchen. L’ultima ricetta dell’anno si tratta di una Ciotola di riso sfumato ispirata al romanzo di Elisa Fumis: Sarang: Il coraggio di amare, che ho letto con piacere in meno di un’ora. Salutiamo l’anno con un piatto delizioso, semplice, speciale ma allo stesso tempo può essere realizzato da chiunque. E’ un primo piatto ma può essere anche un piatto da colazione completo.

Se vi ho incuriosito con questa ciotola di riso sfumato, allacciate il grembiule e scopriamo insieme il procedimento e gli ingredienti per realizzare questa fantastica e deliziosa ricetta. Spero che questa versione vi possa piacere e soddisfare i vostri palati. ♡

Ciotola di riso sfumato – Sarang: Il coraggio di amare

Ciotola di riso sfumato

Dosi: 4 persone Tempo di preparazione: 20 Minuti Tempo di cottura: 40 minuti

Ingredienti:

  • Riso 240 gr in alternativa per il riso basmati e jasmine 240 gr;
  • 1 confezione di prosciutto cotto (nel mio caso ho utilizzato la Jamonilla – Tulip);
  • 6 uova;
  • curry;
  • carote;
  • 1 confezione di surimi;
  • Olive q.b – scelta facoltativa;
  • Olio evo q.b;
  • Salsa agrodolce q.b;
  • Sesamo tostato bianco q.b.

Procedimento:

  1. Per il procedimento del riso bollito: In una casseruola versate abbondante acqua, salatela, portate a bollore, versatevi il riso, mescolatelo e cuocetelo a fuoco vivace 20 minuti secondo la qualità. Scolatelo. Mentre nel mio caso ho utilizzato il cestello di Lékué, una valida alternativa se ancora non vi convince la cuociriso/vaporiera. Nel cestello lavate per bene il riso, versate acqua filtrata e in base alla quantità e tipologia del riso. Nel mio caso utilizzato un riso jasmine più delicato degli altri, ho versato 240 ml di acqua e si cuoce per 11 minuti a 800w nel forno microonde.
  2. Nel frattempo tagliate il vostro prosciutto o la jamonilla, sfilettate i surimi, lavate le carote pelatele e tagliatele a strisce, scaldate la padella antiaderente con un po’ di olio e poi versateli. Lasciate cuocere per una decina di minuti a fuoco basso. Togliete e mettete da parte.
  3. Nella stessa padella antiaderente, preparate le omelette, come prima cosa rompete le uova in una ciotola. Aggiungete un pizzico di sale e pepe. Poi sbattete le uova utilizzando una frusta, in modo da amalgamarle insieme al pepe e il sale.
  4. Non appena sarà caldo versate il composto di uova all’interno e non appena la parte esterna sarà leggermente dorata giratela aiutandovi con una spatola e ripiegatela l’omelette a mezzaluna, lasciatela ancora per qualche secondo e poi riponetela un momento in un piatto e tagliatela a striscioline.
  5. Saltate in padella il riso con del curry, dopodiché versate il riso nella ciotola e aggiungete tutti gli ingredienti preparati in precedenza. Decorate con salsa agrodolce e sesamo tostato bianco. La vostra ciotola di riso sfumato è pronta buon appetito!

Sarang: Il coraggio di amare – La recensione

LeggoAncoraDieciMinuti...: COVER REVEAL: "Sarang - Il coraggio di amare" di  Elisa Fumis

Trama: Kei è un ragazzo timido e senza amici. All’inizio dell’anno scolastico, nella sua classe si trasferisce Jun, un misterioso ragazzo.
I due stringono subito amicizia e Kei si scopre attratto dalla personalità dolce ed espansiva di Jun. Non sa che quest’ultimo nasconde un pesante fardello che non vuole rivelare a nessuno.
Nella mente di Kei si insinuano dubbi e deve fare i conti con la paura di perdere il suo primo amico… e non solo.

Acquistalo Qui

Una storia delicata, innocente e piena di dolcezza quella di Kei e Jun. Un romanzo poco meno di duecento pagine, si legge in un’oretta circa, ma lascia al lettore un amore puro e speciale. Elisa Fumis ci fa conoscere due adolescenti diversi ma con un legame unico. Kei sogna di diventare un disegnatore e vive con una famiglia che lo ama, mentre Jun aspira a diventare un giovane idol – figura molto conosciuta in Oriente -, ma con una famiglia molto problematica.

I due si conoscono a scuola, diventano amici e poi scatta quell’amore puro tipico adolescenziale. La scrittura di Elisa è leggera, facile e semplice. Ci fa conoscere la cultura giapponese, il ruolo anche nel cibo e soprattutto ci lascia un messaggio: guardare oltre l’orientamento sessuale, i pregiudizi sociali di oggigiorno e di cogliere i propri sogni e le nostre passioni sino infondo e di amare senza essere giudicati.

Altra chicca sicuramente è quella di ritrovare tutti i significati delle parole citate in giapponese, per chi si addentra a questa tipologia di ambientazione. La ricetta che ho scelto per accompagnare la rubrica è la ciotola di riso sfumato. L’ho pensata per Kei e Jun come loro piatto di coppia, come segno di impegno e costanza per la loro relazione e sogni. Spero che vi piaccia e alla prossima ricetta. A presto!

Heinz Beck diceva che la cucina non è mangiare. È molto, molto di più. Cucina è poesia. Per me la cucina è ben oltre le apparenze, è un gesto d'amore e così nascono le mie ricette insieme a tutte le foto correlate. Sono Zelda e dal 2013 gestisco il blog chiamato Appunti di Zelda. Scrivo di ricette, libri e di viaggi con occhio principalmente legato ai piatti e tipici locali di ogni luogo che visito. Sono anche un'amante della birra e bevo troppi caffè e infusi, oltre a curiosare tra scatti e studiare diverse tipologie di cucine.

3 Comments

  • Marlene

    Non so se è più gustosa la ricetta o il romanzo. Per non sbagliare: prendo il romanzo e lo leggo mentre gusto la tua ricetta orientale. Mi spieghi però una cosa? Ero convinta che il surimi fosse una specie di granchio pressato, ma tu scrivi che bisogna sfilettarlo… dove sbaglio?

  • Maria Domenica Depalo

    Il romanzo si presenta come una lettura veloce e piacevole, in grado di catturare l’attenzione del lettore soprattutto grazie al tema rappresentato. La ricetta poi sembra semplice da realizzare oltre che gustosa.
    Maria Domenica

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.