Lifestyle

Tamaryokucha(玉緑茶)| Tomotcha

TAMARYOKUCHA(玉緑茶)

post sponsorizzato da Tomotcha
This page is also available in English

Tamaryokucha conosciuto anche Guricha ed è un tè verde giapponese piuttosto pregiato e raro, è coltivato e prodotto nella Prefettura del Kyushu. Il nome della varietà prodotta deriva da Tama: gemma gioiello, Ryoku: verde, Cha:  .

Ci sono due tipi di Tamaryokucha: arrostiti e al vapore. Il metodo di arrostire le foglie di tè nel tegame fu portato in questa regione da un artigiano cinese di porcellana 500 anni fa. Col passare del tempo, si è evoluto il metodo ed è passato in altre regioni del Giappone. Al giorno d’oggi, la maggior parte del prodotto è cotto in un vapore lento.

Il Tamaryokucha ricorda i tè cinesi, il colore delle foglie è verde scuro con una forma ruvida e leggermente arricciata.L’infuso risulta di un color giallo dorato, il suo profumo è erbaceo e fruttato, con note di lime e di nocciole. Ha anche un forte profumo floreale e un aroma che si avvicina al gusto intenso di agrumi. 

Questo tè indicato da bere puro in qualsiasi momento della giornata. Può essere accompagnato da qualsiasi piatto tradizionale della cucina giapponese, ed anche ai dolcetti con pasta di mandorla.

Per l’infusione  gradita una temperatura di 70°C,pura e senza residui di calcare. Il tempo dell’infuso è di circa 1 minuti in circa 200 ml. E’ possibile fino a tre infusioni dello stesso Tè, possibile anche riutilizzare le foglie e quindi da scoprire nuovamente il gusto di questa chicca.

Ultima cosina ma meno importante è il design del packaging, dove il tè è contenuto. Così delicato e profumato, essenziale e semplice rendono il Tamaryokucha piacevole alla vista e quella voglia di provarlo assolutamente.

E’ uno dei tè che considero più buoni della qualità dei tè verdi, non vedo l’ora di scoprire quale sarà la tipologia di Aprile.

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel e della cucina. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2013 mi occupo di gestire Zelda's Kitchen