Crea sito

Sapori d’oriente: Cos’è il Mirin Giapponese?

Il mirin possiamo trovarlo per la prima volta nel periodo Sengoku, tra il 1467 e 1603 circa. Veniva utilizzata come bevanda leggermente alcolica; solo successivamente, attorno al periodo Edo (1603-1867), i giapponesi iniziarono a utilizzarlo in cucina, a partire dalla marinatura per l’anguilla o dalla salsa usata per la soba. Dagli anni ’50, le tasse sul mirin scesero e l’ingrediente si diffuse velocemente, prima in Giappone poi all’estero.

Mirin
Mirin

Cos’è il Mirin?

Il mirin giapponese ha un colore dorato, leggermente ambrato; il suo gusto invece è dolce con una nota di alcool leggero. Viene utilizzato nella cucina giapponese e in quella asiatica.

Ci sono tre tipi di Mirin, categorizzati in base alla percentuale di alcol al loro interno: Hon Mirin 14%, Shio Mirin 1.5 % e Shin Mirin, con meno dell’1% di alcol.

Come viene fatto il mirin?

Nel video Nowness qui sotto ci mostra un’azienda artigianale che lo produce a mano da oltre 150 anni. Per farlo viene utilizzato riso koji di altissima qualità, invecchiato 3 anni per raggiungere il sapore intenso e delicato tipico del Mirin. 

The Last Artisans of Japan: Mirin

Cucinare con il mirin

Il mirin è spesso l’ingrediente che troviamo in zuppe e brodi giapponesi.

  • Condimenti

Si possono preparare altre preparazioni come la salsa ponzu oppure l’intingolo che accompagna ricette fritte come il Tendon, la ciotola di riso e tempura di gamberi e verdure, l’agedashi tofu o ancora il pollo fritto alla coreana.

  • Brodi e zuppe: Aggiungete il sake dolce alla zuppa di miso, al nimono (carne, legumi o verdure stufate nel brodo dashi) o al ramen con pollo, regala un sapore particolare.
  • Noodles e riso: Si può aggiungere come salsa nei noodles, come sukiyaki con tofu, manzo e verdure. Aggiungetelo nella preparazione dei classici yaki udon, gli spaghetti giapponesi.
  • Riso per il sushi
  • Uova: Aggiungete un goccio di mirin nelle vostre omelette, sia quella classica francese, sia la sua interpretazione giapponese, il tamagoyaki.

Scopri gli altri articoli sulla rubrica “Sapori d’Oriente”

Pubblicato da Appunti di Zelda

Hi! I'm Zelda! Classe 99' Scrivo di letteratura e cucina orientale. Consiglio tè, tisane e infusi.Perennemente persa tra le nuvole, sognatrice di un paese chiamato Giappone e tipica sushi lover!