The ones
Libri e Fumetti

Review Party: The ones. La profezia dei Prescelti di Veronica Roth

Ben ritrovati lettori, in questo nuovo review party vi parlo del nuovo romanzo di Veronica Roth The ones. La profezia dei Prescelti. Pronti a scoprire di cosa si tratta?

The ones. La profezia dei Prescelti di Veronica Roth

The ones

Titolo: The Ones. La profezia dei prescelti
Autore: Veronica Roth
Editore: Mondadori
Pagine: 396
Prezzo: 19,90 €
Link di acquisto: Qui

Fin dalla sua prima comparsa, l’Oscuro non ha fatto che generare panico e caos. Entità malefica incredibilmente potente, ha provocato eventi catastrofici capaci di radere al suolo città intere e spezzare migliaia di vite innocenti.

Gli unici in grado di sconfiggerlo, a quanto scritto in una profezia, potrebbero essere cinque ragazzini, Sloane, Matt, Ines, Esther e Albie, i Prescelti. Prelevati dalle loro case da un’agenzia governativa, vengono sottoposti a un training durissimo in cui viene insegnato loro l’uso della magia, indispensabile per affrontare la missione che li attende. La lotta con l’Oscuro prosegue per anni, ma alla fine ne escono vincitori.

Tutto il mondo a questo punto può tornare piano piano alla normalità… tutti tranne loro, soprattutto Sloane, che più dei compagni fatica a rimettersi in sesto. I segreti che nasconde non solo la tengono agganciata al passato ma la allontanano inevitabilmente dalle sole quattro persone al mondo in grado di capirla.

Subito dopo la celebrazione del decimo anniversario della gloriosa vittoria sull’Oscuro che vede ancora una volta riuniti i cinque Prescelti, accade l’impensabile: uno di loro muore.

E quando i restanti quattro si riuniscono per celebrarne il funerale, fanno una tremenda scoperta: hanno commesso il grave errore di sottovalutare l’Oscuro. Il suo obiettivo finale, infatti, è sempre stato molto più grande di quanto loro, il governo e persino la profezia avessero previsto, e questa volta resistergli potrebbe costare a Sloane e ai suoi compagni molto più di ciò che hanno ancora da dare…

The ones

Recensione The ones. La profezia dei Prescelti

The Ones. La profezia dei Prescelti è il seguito di cosa accade dopo aver sconfitto il Male. Anni prima, a Chicago si verificano strani e diversi disastri ambientali a cui non vi era scampo. Conosciamo cinque ragazzi ancora adolescenti, che dopo un’intenso allenamento, hanno il compito di salvare la Terra da una terribile minaccia chiamato Oscuro, un essere misterioso da una forma indescrivibile che causavo morte e distruzione, generando panico, follia e caos sull’intero pianeta.

Sono passati dieci anni, i cinque Prescelti, Sloane, Matt, Ines, Esther e Albie, festeggiano nuovamente e ricordano la battaglia e la sconfitta dell’Oscuro. Conclusi i festeggiamenti, uno dei membri muore poche ore dopo, senza un valido motivo per il momento. Hanno già sconfitto una volta l’Oscuro, chi sarà il nuovo nemico da sconfiggere?

The Ones. La profezia è stata un’interessante scoperta. Raccontare le vicende dopo una grande battaglia e scoprire come abbia influenzato questi eventi sulla gente è sempre interessante, la Roth ci è riuscita in pieno.

La protagonista di questo romanzo è Sloane, una dei Prescelti. Questa ragazza ne ha subite tante come il rapimento, la battaglia finale e il strano legame che lega a questo essere oscuro le ha causato un grave trauma, riesce a placare quei ricordi attraverso delle pillole ma non sempre fanno i loro dovere e i demoni tornano spesso a disturbare la quiete di Sloane.

Sloane con questi eventi ha maturato un comportamento da menefreghista, indifferente e solitario, non si fida di nessuno e non rilascia nessuna dichiarazione soprattutto nei confronti dei giornalisti. Dopo la battaglia con l’Oscuro, Sloane è diventata la ragazza di Matt, il “ragazzo d’oro” e leader del gruppo dei Prescelti. Matt rispetto a Sloane è il contrario ed è sempre disponibile e gentile, rilascia intervista e organizza eventi di beneficenza e aiuta la gente più deboli e le organizzazioni governative.

Poi c’è Esther, ormai è diventata regina dei sociale e diciamo anche dipendete da questi strumenti e non esce mai senza cellulare, ma si prende cura della madre che da anni ormai è malata. Albie invece sopravvive facendo uso di sostanze stupefacenti per superare il rapimento condiviso con Sloane. Nonostante siano passati anni, il ragazzo convive con questo trauma difficilmente superabile. Infine Ines, di cui abbiamo poche informazioni o meglio non sappiamo effettivamente nulla.

“Lui aveva avuto ragione a cercare una speranza pensando che avevano già vissuto quell’esperienza. Lei se la stava ricordando, solo che non sembrava un ricordo, non per davvero. Sembrava più un ritorno a essere qualcosa che era già stata. Una Sloane semplificata, ridotta agli elementi essenziali. Mascella serrata, mente lucida e un unico scopo: uccidere l’Oscuro.”


In questo nuovo romanzo Veronica Roth affronta con cura e delicatezza alcune tematiche molto sensibili che non sempre troviamo o affrontiamo nei romanzi fantasy, il solo pensiero di raccontare i comportamenti dallo stress o comunque ricordi degli anni precedenti non è facile. Oltre questo, nel romanzo vengono affrontati anche punti di vista della salute mentale, il razzismo, l’abbandono da parte dei genitori.

La narrazione di The ones. La profezia dei Prescelti si dividono in due parti: nella prima conosciamo le vite dei protagonisti dieci anni dopo con diversi flashback, mentre nella seconda parte abbiamo una narrazione fluida, scorrevole e piena di avventura. Una cosa che mi ha colpito principalmente del romanzo sono i ritagli di articoli di giornale, report secretati dal governo, pagine di diari, che ci aiutano ad andare nel passato ed a comprendere ciò che provano i Prescelti. Una vera chicca direi, abbiamo una scrittura diversa da quando ho conosciuto la Roth con la saga di Divergent.


Un ringraziamento speciale a Mondadori per avermi omaggiata della copia digitale.

The ones

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.