Nella tela del tempo
Libri e Fumetti

Review party: Nella tela del tempo di Barbara Nalin

Buon lunedì lettori, come è andato il fine settimana? La settimana inizia intensamente con nuovissimi eventi e tante recensione come il nuovo review party: Nella tela del tempo di Barbara Nalin.

Nella tela del tempo

Nella tela del tempo
Titolo: Nella tela del tempo
II° edizione
Autrice: Barbara Nalin
Pagine: 324
E-book: € 1,99 Cartaceo: €9,99
Uscita: 28 Giugno 2020 
Link di acquisto: Qui

Trama: Malta, 1563. Anne De La Vallette, nipote del Gran Maestro Jean De La Vallette, è un Cavaliere dell’ordine di Malta. Veneziana d’origine, fugge dalla città lagunare per via di sua sorella, Lea, rinunciando così ai suoi sogni in tutù. Intrappolata in un matrimonio combinato con Simon Starkey, spera in un grande amore, che vinca sul tempo e sullo spazio. È così che conosce l’ottomano Murad, nipote del Gran Sultano.

Ma c’è di più: infiltrata tra i turchi, alla giovane crociata verrà data l’ardua missione di riportare a casa, nel mulino Ta’ Kola, la tela della giustizia, quella a lei affidata e che permette, insieme alle altre sette degli altrettanti cavalieri dell’ordine di Malta, di viaggiare nel tempo. Qualcosa però va storto. Saprà resistere la dolce Anne all’innamoramento, alla passione, alle dolci carezze del suo amore per sempre? Malta, 2016. Melita Dalle Tele è un’intraprendente e talentuosa fotografa.

Un articolo sibillino su misteriosi salti nel tempo correlati al mulino di famiglia la costringe a tornare sull’isola, tra le braccia di nonna Velata e nonno Fabrizio, e quelle fragili di sua madre Eliza, invaghita di Selim, un uomo di bell’aspetto ma senza scrupoli. Sui suoi passi e tra i suoi rullini, inciampa un gentiluomo che pare venire da un’altra epoca, un intrigante giornalista, ospite dell’albergo della signora Dalle Tele.

Chi è questo galantuomo dallo sguardo lontano? Cosa nascondono i suoi modi di fare tanto gentili quanto antiquati? Due protagoniste, due invincibili storie d’amore, un’isola straordinaria nel cuore blu del Mediterraneo. La vita, ci insegna questo romanzo che intreccia il rosa e lo storico, non è che una tela da tessere sulla lana sottile del tempo.

Recensione Nella tela del tempo

Nella tela del tempo si parla di una famiglia chiamata “Dalle Tele” divisa attualmente per vecchi conflitti del passato. Velata ed il marito Fabrizio trascorrono gli ultimi anni a Malta, nella residenza di famiglia che hanno trasformato in un affascinante albergo di lusso. Conosciamo la primogenita Eliza, dopo un primo tentativo di carriera come modella a Parigi ed un matrimonio finito, ritorna a vivere con i genitori e passa tutto il tempo frequentando alcuni uomini e ubriacandosi.

La seconda figlia, si chiama Virginia, sta terminando il dottorato in archeologia a Cambridge. Una delle figlie di Elisa, Sara medico, rimane a Malta per aiutare la madre a superare le sbronze e le diverse delusioni d’amore. Mentre la figlia minore Melita scappa in America e vive a Los Angeles e lavora come fotoreporter per “Magic in Action”, una rivista specializzata in esoterismo.

Le loro vite verranno travolte da un articolo pubblicato su “Lost Treasures” che fa scattare una reazione a catena alla notizia di tale articolo che fa riferimento al Mulino situato nell’isola maltese di Comino che, grazie alle sue otto tele, possiede un potere utilizzato al tempo dall’Ordine dei Cavalieri di Malta.

Il Mulino, conosciuto come Ta’ Kola, appartiene proprio alla famiglia Dalle Tele. Melita viene spedita dal suo capo a tornare a casa e ad indagare affondo sulla faccenda procurando delle foto da inserire in prima pagina. Virginia invece vede questo mistero come una via innovativa per dare una svolta finale al suo dottorato e prende il primo volo per raggiungere Valletta.

Tutta la famiglia Dalle Tele è riunita, per la prima volta dopo anni, sotto lo stesso tetto non dovranno solo affrontare i loro conflitti che hanno portato alla divisione della stessa famiglia ma, qualcuno giunto da un passato remoto di Velata e Fabrizio, vuole rivendicare il Mulino e il potere delle sue tele. Chi sarà mai?

Nella tela del tempo è la storia di una famiglia composta soltanto da donne, ognuna con caratteri, scopi, ambizioni e rancori diversi. Tutti i personaggi vengono delineati e descritti con attenzione, facendoci conoscere ogni aspetto di queste donne e il perché delle loro scelte.

“L’emozione che provava Melita era talmente intensa che temeva che il cuore le scoppiasse. Ci si poteva innamorare di una persona all’istante?”

L’elemento misto tra fantasia e narrativa con un pizzico di romanticismo è ben inserito nel contesto e permette di mescolare la storia in modo vera e reale, apprezzando così quel velo di mistero. I riferimenti dedicati all’Ordine dei Cavalieri di Malta e alla storia dell’Impero Ottomano denotano un lavoro di studio approfondito e raccolta di informazioni con dettagli interessanti e non in modo approssimativo.

Alcuni passaggi risultano un po’ troppo veloci e pochi chiari e il finale risulta leggermente sbrigativo rispetto al resto dei precedenti capitoli, il che impedisce di gustare appieno la storia che ci viene raccontata.

Ma salvo questa piccolezza, Nella tela del tempo è una lettura piacevole ed emozionante, che può piacere agli amanti del genere fantasy e del mistero ma anche ai curiosi che amano quel pizzico di romanzo con del lato storico.

Quale potere nasconde le tele? Qual è il vero valore del Mulino? Per scoprire la verità vi consiglio di leggere Nella tela del tempo.


Un ringraziamento speciale all’Ufficio Stampa & Digital PR Jane Rose Caruso per avermi omaggiata della copia digitale.

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.

7 Comments