Escape
Libri e Fumetti

Recensione: Escape di Corinna Corti

Buongiorno lettori e ben ritrovati sul blog con una nuova recensione – no, non si tratta di un review party state tranquilli! –. Oggi vi parlo di Escape di Corinna Corti, libro che fa parte della collana Over the Rainbow – PubMe.

Escape

escape
  • Titolo: Escape
  • Autore: Corinna Corti
  • Genere: Urban Fantasy
  • Editore:Over the Rainbow – PubMe
  • Pagine: 248
  • Prezzo ebook: 2,99€
    Prezzo cartaceo:13,90€
  • Link d’acquisto: Qui

Trama Escape

Per diventare allievi della St Patrick, la più esclusiva accademia di tutta l’Inghilterra, occorrono due requisiti fondamentali: essere ricchi ed essere degli psicocineti. Ethan Blake e Dean Wright non solo soddisfano entrambe le richieste, ma sono gli eredi delle famiglie più potenti e influenti nella sanguinosa guerra che da anni divide l’aristocrazia inglese in due fazioni contrapposte: la Rosa Bianca e la Rosa Rossa. Con la fine del quarto anno scolastico, le responsabilità cominciano ad affacciarsi nella loro spensierata adolescenza.

Dean diventa gli occhi e le orecchie della Rosa Rossa all’interno dell’Accademia, ma notti insonni e una stanchezza insolita rischiano di compromettere la sua missione. Per di più, Ethan finisce per trovarsi sempre sulla sua strada e sembra accusare lo stesso affaticamento. Desideroso di far luce sulla faccenda, Dean inizia a indagare in una corsa contro il tempo e contro lo spietato Lord Bucket, leader della Rosa Rossa.

Così, mentre la resa dei conti si avvicina, Ethan e Dean dovranno loro malgrado aprire gli occhi e comprendere la vera natura dell’odio che li separa, rispondendo finalmente all’unica domanda che nessuno ha mai permesso loro di porre: è possibile cambiare il proprio destino?

Recensione Escape

Ethan Blake e Dean Wright sono due allievi dell’accademia di St. Patrick, una delle accademie élite londinesi, in cui viene insegnata l’arte della psicocinesi. I requisiti per accedervi in questa accademia principalmente sono quello di essere ricchi ed essere degli psicocineti.

Dean ed Ethan soddisfano i requisiti e sono gli eredi di queste famiglie londinesi più potenti e influenti da svariate generazioni. Sono delle famiglie coinvolte in una sanguinosa guerra da anni e che divide una fetta dell’aristocrazia inglese in due fazioni contrapposte: la Rosa Bianca e la Rosa Rossa.

Psicocinesi, altrimenti nota come la capacità della mente di influenzare la materia e lo spazio.

Durante l’anno accademico, Dean diventa una vittima dell’Incorporatus. Un’arte magica nera proibita, nella quale, mentre la vittima riposa, chi esegue questa magia entra nella mente del soggetto e ne prosciuga tutte le sue energie.

Dean si rivolge alla zia, Lady Electra, insegnante dell’accademia, l’aiuterà e le procura un antico cimelio in modo da scoprire chi sia la persona che sta usando quest’arte nei suoi confronti.

Nonostante Dean stia cercando di risolvere questa situazione, dovrà scontrarsi più volte con Ethan Blake, l’ultimo discendente ed ereditario della casata Blake. Quella dei Black è una casata che ormai da tempo è in disputa da anni con la famiglia dei Wright, ma non abbiamo informazioni utili su quale sia la reale causa di questa guerra che coinvolge le due famiglie.

Dean nel frattempo incomincerà a provare dei sentimenti per il giovane Wright, cosa impensabile dato che sono nemici sin dalla nascita e allora perché innamorarsi proprio di Ethan?  Tra l’altro Dean non può rovinare i piani del padre e soprattutto deve convolare a nozze con una nobile e facoltosa ragazza di Londra. Cosa succede quando hai un mondo che ti si ritorce contro e quando arriva l’ordine di uccidere il ragazzo di cui ti sei innamorato e provi dei sentimenti così forti da voler sparire a tale notizia? Scopritelo leggendo il romanzo!  – Non si fa spoiler, mi spiace! –

Da che si erano conosciuti, Dean non aveva mai dovuto faticare per scorgerlo fra mille altri e anche ora, con l’odore della sua pelle confuso fra quello di bucato dei vestiti, non ebbe alcun dubbio. «Eccoti qui, principino» sussurrò non senza un groppo in gola. «Finalmente ti ho trovato.»

Escape è stata una lettura che mi accompagnato stamane con una tazza di cappuccino e una bella brioche, un’accompagnata perfetta prima di rimettermi a studiare. Perché ho scelto di leggere questo romanzo? Beh, è un urban fantasy, con un contesto di arti magiche, un’Accademia d’Élite e le tematiche LGBT+. Cosa si vuole di più? Tralasciando questo dettaglio vi parlo in linea generale del romanzo che nel complesso mi è piaciuto e un po’ meno sulla parte finale del romanzo, ma su questo ci arriviamo a gradi.

escape

Parto col dire che la scrittura di Corinna Corti è leggera, fluida e semplice. Ho apprezzato molto le varie spiegazioni tecniche, al suo interno parte fondamentale per seguire la storia di Escape. Abbiamo dei personaggi ben caratterizzati e lineari, Dean ed Ethan al loro malgrado sono coinvolti nelle dispute delle loro famiglie e sono costretti sfortunatamente a seguire le regole rigidi e i piani scritti sin dal principio.

Come dicevo prima, l’unica pecca del romanzo è il finale, è stato scritto in modo frettoloso e confusionario. Ma parte questa piccola “critica”, la storia di Escape è coinvolgente e travolgente allo stesso tempo, perché sì voglio uno spin-off di Dean e Ethan. Chiedo troppo? Probabile, ma sono felice di dirvi che consiglio questo romanzo per gli amanti dell’urban fantasy.


Un ringraziamento speciale a Over the Rainbow per avermi omaggiata della copia digitale.

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.