Interviste

Parliamo di musica con la Creator/vocalist Shoujy

Ben ritornati nel blog, oggi abbiamo un ospite speciale Rossella Martino, in arte Shoujy, cretor e vocalist. L’abbiamo intervistata per il suo primo brano inedito.

Ciao e benvenuta Shoujy, presentati brevemente ai nostri lettori e parlaci di te.

Ciao a tutti, sono Shoujy, una cantante che viene da Napoli con un forte amore verso la musica e il mondo del Giappone.

Molti ti conoscono per le tue cover dedicate a anime,film d’animazione,videogiochi come è nata questa passione?

I primi anime che iniziai a vedere furono Marmalade boy(Piccoli problemi di cuore), Dragon Ball, Hokuto No Ken, Ranma e tanti altri, allora io mi chiesi: ma queste non saranno le sigle originali, si troveranno da qualche parte per poterle ascoltare.

Il mondo del web mi ha aiutata tanto nella mia curiosità e infatti quando ascoltai le prime opening e ending pensai: cavolo! Queste canzoni sono fighissime!

Poi capii successivamente la questione copyright e che ciò era problematico al fine di poter avere in Italia i diritti audio/visivi di una sigla.

Ormai c’era qualcosa che mi aveva rapita e quindi mi attaccai alla visione degli anime in lingua originale e ad ascoltare un quantitativo spropositato di J-Music, pensai che il giapponese avesse un bellissimo suono, e a furia di provare a emulare la loro fonetica mi sono buttata a pubblicare le prime cover su youtube.

I videogiochi li ho conosciuti molto prima grazie a mio fratello e successivamente tramite amici.

Quando ti sei resa conto che avresti voluto rendere la musica una vera e propria professione?

è successo proprio quando i miei concerti dal vivo sono aumentati quindi verso la fine del mio primo anno come artista e ciò si è unito all’apprezzamento da parte degli organizzatori degli eventi e conseguenzialmente il percorso è diventato ancor più serio quando i miei contenuti sul web sono divenuti un po’ più popolari.

Higeki To Kouun No Hana è il primo brano inedito.

È raro vedere un Progetto Visual Kei Italiano. Come mai questa scelta? E cosa ci dobbiamo aspettare ascoltandolo?

I primi ascolti musicali che ho fatto sono stati di tutti i tipi, ma chi prova a visionare la maggior parte dei contenuti che posto, può notare la mia forte attitudine verso il genere Rock e Metal.

L’approccio alla J-Music fu con Gackt, ma subito dopo con i The GazettE, una band Visual Kei.

Il Visual Kei, ha un’estetica e un sound che si differenzia in base al tipo di emozioni che si vogliono trasmettere.

Caratterialmente mi sono trovata molto in empatia con questo mondo, ma al contempo non è semplice rispettare i canoni del genere da parte di un occidentale, mi metto nei panni di una qualsiasi persona che potrebbe giudicarmi, ma ci tengo particolarmente a rappresentare in maniera corretta quello che mostro.

Sull’ascolto del brano credo che ognuno abbia una propria sensibilità verso la musica, sarebbe come avere la sfera di cristallo, ma oggettivamente se volete un sound forte sicuro lo troverete in Higeki To Kouun No Hana.

La tua musica si basa appunto su Visual Kei e Jrock a chi ti ispiri? Quali sono stati i tuoi modelli?

Nella fase di creazione dei brani non ci lavoro soltanto io, ma anche Haru(musicista e compositore).

Abbiamo gusti molto simili quindi riusciamo a ispirarci alle stesse fonti.

Ci ispiriamo molto a band come Tokami, Sadie, Defspiral, Diaura qualcosina anche agli L’Arc~en~Ciel e tanti altri, ma sappiamo che con un brano non è chiaro al 100% l’identità musicale, ma si noterà con i successivi brani che pubblicheremo.

Quale è il significato del testo Higeki To Kouun No Hana?

Higeki To Kouun No Hana è un brano autobiografico, introspettivo, un dialogo interiore sulla dualità ovvero con due lati di me stessa.

L’Io positivo e l’Io negativo, i quali parlano fra loro, uno di essi è rappresentato da una rosa e attraverso questo botta e risposta mostro la mia visione della vita e del mondo.

Cosa fai quando non ti occupi di musica? Nel tempo libero?

Quando non mi occupo di musica lavoro come Social Media Manager per attività, faccio grafica, foto e video editing.

Nel tempo libero vedo serie anime, leggo manga, mi vedo con le persone a cui voglio bene, controllo le mail, commenti e faccio attività fisica.

Shoujy

Progetti futuri Shoujy?

Fare altri brani e avvicinarmi al pubblico nipponico il più possibile.

Siamo arrivati alla fine dell’intervista, vuoi lasciare un messaggio?

E’ importante avere un sogno o comunque un hobby, perché questi ti aiuteranno nei momenti difficili.

Ringrazio di cuore Appunti di Zelda per l’intervista, mando un abbraccio forte! Yeeeeeeah *acuto*

Le foto contenute nell’intervista appartengono a Shoujy – Riproduzione riservata

Iscriviti per non perdere la newsletter di fine mese.

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.