Un tè con Fitzgerald

Parliamo di disegno con le creatrici di Somnia

Ben tornati sul blog lettori, oggi abbiamo un ospite speciale la disegnatrice
Federica Di Meo di Somnia. L’abbiamo intervistata per farci sapere di più sul mondo del disegno.


Per iniziare quando è iniziata la passione per i manga e il disegno?

Vedevo i cartoni animati sin da piccola, quindi da sempre!

Cosa ti ha spinto verso questo mondo? A che età è nata questa passione?

Ho cominciato a disegnare alle medie, prima ero troppo timida anche solo per provarci.

Sei autodidatta o hai fatto studi appropriati?

Sono stata autodidatta per moltissimi anni, poi ho iniziato un corso di manga con una ragazza che aveva studiato in Giappone, nel 2006. Successivamente sono andata anche io a fare un corso di aggiornamento lì.

Somnia

Quali strumenti usi solitamente ?

Quando lavoro sulle tavole uso strumenti giapponesi, dal pennino alla carta, ai retini, lavoro a mano.

Hai una persona che ti ha affiancato nel tuo percorso ?

La mia amica (Maria Vannucchi) è stata prima la mia insegnante, poi una vera e propria amica.

Che tipo di manga disegni ?

Mistery, fantasy.

Che tipo di genere ti piace? Perché?

Mi piace il fantasy per la varietà di ambientazione, e anche la commedia, per il ritmo fresco. Mi piacciono anche le storie d’amore non banali!

Dove pubblichi i tuoi lavori?

Pubblico su carta con la Planet manga, la mia opera si chiama Somnia.

Hai mai pensato di lavorare con un mangaka?

Mi piacerebbe moltissimo fare da assistente ad un autore giapponese!

Sei più per il modo digitale o tradizionale? Perché?

Più per il tradizionale, le tavole hanno un altro sapore, ma il digitale ha enormi vantaggi nella correzione degli errori.

Le persone che ti sono accanto ti sostengono? Hai qualcuno che ti ostacola?

Sono fortunata, tutte le persone che mi sono intorno mi hanno sempre sostenuta, anche quando ero solo una ragazza!

Somnia

Hai mai perso l’ispirazione? Se si , come l’hai recuperata ?

Ci sono stati dei momenti difficili, l’ho recuperata senza forzarmi a fare le cose, ma facendo poco per volta solo quello che mi piaceva.

Hai mai pensato di proporre i tuoi lavori a qualche mangaka/casa editrice giapponese?

Sì, penso proprio che lo farò.

Hai dei futuri progetti?

Per ora continuare con Somnia, con un volume tutto a colori però!

La nostra intervista termina qui, ma …. hai ancora qualcosa da dirci/consigli/sconsigli…

Quello che posso dirvi è di continuare a lavorare senza perdere mai di vista i vostri obiettivi, con costanza e tenacia, esercitandovi tante ore al giorno!


Un ringraziamento speciale a Federica Di Meo .
Foto all'interno dell'articolo by Somnia, riproduzione riservata  ©2016

Heinz Beck diceva che la cucina non è mangiare. È molto, molto di più. Cucina è poesia. Per me la cucina è ben oltre le apparenze, è un gesto d'amore e così nascono le mie ricette insieme a tutte le foto correlate. Zelda's Kitchen è un blog che sposa tre passioni: l'amore per la cucina, i viaggi, l'arte e i libri.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.