la ragazza del treno
Libri e Fumetti

La ragazza del treno – Recensione

Benvenuti in una recensione sul blog, in questo nuovo articolo vi parlo de “La ragazza del treno” di Paula Hawking a cura della casa editrice Piemme

Il romanzo La ragazza del treno

La ragazza del treno
  • Titolo: La ragazza del treno 
  • Autore: Paula Hawking
  • Casa Editrice: Piemme
  • Data di uscita: 23 giugno 2015
  • Pagine: 378
  • Prezzo cartaceo: 19.50
  • Link di acquisto: Qui
  • Trama: La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua.
    Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cosa ha visto davvero Rachel?

Recensione La ragazza del treno

Paula Hawkins, con un passato di giornalista, vive a Londra ed è l’autrice del libro “La ragazza del treno”, il “thriller dei record” che ha venduto più di 18 milioni di copie nel mondo in meno di due anni, e solo in Italia è arrivato a un milione, senza mai lasciare le classifiche. Da questo è stato tratto anche un film, dal medesimo titolo, con Emily Bunt.

Ne La ragazza del treno abbiamo tre donne: Rachel, Megan e Anna collegate da un unico filo conduttore.

Conosciamo la prima donna, Anna: è una mattina a casa con la piccola figlia e il marito Tom. Sembrerebbe una scena di famiglia normale quando ad un certo punto Tom, stanco e irritato, riceve una nuova e-mail da Rachel, la sua ex moglie.

Nella scena successiva incontriamo Rachel. Ogni giorno è seduta sul treno dei pendolari che dal centro di Londra la riporta nella periferia dove abita. La scena può risultare quella di una donna stanca di un lavoro che non la soddisfa e che, per ingannare la noia del viaggio verso casa, sbircia le case dal finestrino di un treno. Una donna normale se non fosse per il fatto che porta sempre nella borsa una bottiglia o lattine di gin e tonic in un sacchetto appoggiato sul sedile del treno.

L’ultima donna si chiama Megan ed è scomparsa. E’ una ragazza che vive a poca distanza dalla famiglia di Tom. Rachel non la conosce personalmente, ma ormai da qualche tempo è ossessionata da lei e dal suo compagno da quando li ha visti dal finestrino del treno. E’ diventata un’abitudine fantasticare e ammirare quella coppia apparentemente perfetta.

Ma un giorno, la BBC e la stampa nazionale danno la notizia della scomparsa di Megan, Rachel riconosce la donna e si piomba immediatamente nel risolvere il caso. La donna è convinta che Scott, compagno della giovane Megan e principale sospettato, non abbia a che fare con la sua scomparsa:

 “Dopo aver letto le notizie, mi rendo conto che la situazione non è facile per Scott, e non solo a causa del litigio. È così che funziona: quando succede qualcosa di brutto a una donna, la polizia sospetta subito del marito o del fidanzato. In questo caso, gli inquirenti non sono a conoscenza di tutti i fatti. Si concentrano sul marito, ma soltanto perché non sanno che c’è un altro uomo. Forse sono l’unica a essere al corrente della sua esistenza.”

La ragazza del treno

Sembrerebbe che Rachel abbia visto qualcosa di sospetto dal treno prima che ripartisse, sufficiente da turbare e scioccare la donna. Per queste deve convincersi di dover parlare alla polizia. Ma la polizia sa che la donna non può essere una fonte attendibile: è spesso ubriaca, è soggetta a perdite di memoria e spesso è stata segnalata da Tom e Anna per averli importunati con messaggi e sceneggiate sospette.

Nelle settimane successive, viene ritrovato il corpo di Megan e, a mano a mano che l’indagine prosegue, vengono aggalla segreti inquietanti sulla donna. Rachel sa di aver visto qualcosa di fondamentale quella notte in cui la ragazza è sparita, ma i continui vuoti di memoria che affliggono la sua mente non le permettono di ricordare di cosa si tratta e tale la fanno passare per un’imbrogliona, alcolizzata e pazza.

I seguenti capitoli procedono andando avanti e dietro nel tempo e le vicende vengono raccontate attraverso i punti di vista delle tre donne.

La ragazza del treno è una storia che si legge anche in giornata, la scrittura è semplice, fluida e dinamica. Il lettore si troverà a essere coinvolto dalla suspence, dal filo conduttore che segue i personaggi e dal desiderio di risolvere questo stranissimo intrigo.

Le vere domande che ci si pone sui personaggi sono queste: Anna e Tom sono gli innocenti di questa storia e le vittime di Rachel? Rachel è davvero inaffidabile? E Megan è la donna perfetta immaginata da Rachel?

Cosa ne pensate voi? Avete letto questo libro?


Non perderti gli altri articoli usciti questa settimana sul blog:


Iscriviti per non perdere la Newsletter mensile

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.