kazuo kamimura
Guida alla lettura

Guida ai manga di Kazuo Kamimura in Italia

Benvenuti in un nuovo appuntamento con “Guida alla lettura”, oggi per questa sezione ci occupiamo dei manga pubblicati in Italia del fumettista Kazuo Kamimura.

Chi era Kazuo Kamimura?

Kazuo Kamimura è stato un noto fumettista, illustratore e saggista giapponese Kazuo è nato a Yokosuka, nella prefettura di Kanagawa, il 7 Marzo 1940.

Ha studiato presso la Musashino Art University, dove si è laureato nel 1964. Successivamente ha lavorato part-time come illustratore presso l’agenzia pubblicitaria Senkosya, dove ha fatto la conoscenza di Yu Aka, un noto paroliere e poeta giapponese.

Yu Aka, vista la sua abilità nel disegno, propose a Kazuo una collaborazione per realizzare una striscia a fumetti. Ma il debutto vero e proprio di Kazuo nel mondo dei manga avvenne nel 1967, con la pubblicazione di Kawaiko Sayuri-chan no Daraku nel primo numero della rivista Gekkan Town.

L’anno successivo, dopo aver lavorato ai disegni di Parada (storia di Yu Aku), Kazuo decide di mettere definitivamente da parte il suo lavoro di illustratore per dedicarsi a tempo pieno a disegnatore di strisce a fumetti.

Kazuo Kamimura

Negli anni che seguirono, Kazuo ha pubblicato molte opere, tra cui Dousei Jidai, Shura Yukihime (storia originale di Kazuo Koike), Shina no Kawa (storia originale di Hideo Okazaki) e Lady Snowblood. In quel periodo Kazuo ottenne il soprannome di Showa no Eishi (che significa “pittore Ukiyo-e painter dell’Era Showa”) per via del suo elegante stile di disegno.

Tra le sue opere, Dousei Jidai è una di quelle che ha avuto maggiore successo in Giappone. All’estero, invece, l’opera di Kazuo Kamimura più nota è Lady Snowblood, la quale è stata omaggiata da Quentin Tarantino nel suo film ‘Kill Bill’ (2003-2004). Nel film viene riproposto il tema musicale di ‘Lady Snowblood’ (1973), trasposizione dell’omonimo manga, e ne viene ripresa parte della trama.

Ciò ha riportato Lady Snowblood sotto i riflettori internazionali e motivato la prima traduzione del manga in lingua inglese nel 2005. Nel 2009, Ed Brubaker, Marko Djurdjevic e Clay Mann hanno creato il personaggio Lady Bullseye del franchise Marvel ‘Daredevil’ come omaggio a Lady Snowblood.

Nel suo periodo di maggior attività, Kazuo Kamimura passava molto del suo tempo a disegnare. Lavorava a circa quattrocento pagine al mese. Tra i suoi assistenti c’è stato anche Hitoshi Iwaaki, che divenne successivamente noto come l’autore di Kiseiju – L’ospite indesiderato, Eureka e di Historie.

All’inizio del 1986, Kazuo venne improvvisamente ospedalizzato per un tumore alla faringe, per il quale morì l’11 Gennaio dello stesso anno, all’età di 45 anni.


Le opere pubblicate in Italia di Kazuo Kamimura

 Kazuo Kamimura

Lady Snow Blood

Lady Snowblood è pura e semplice vendetta. Yuki ha ereditato da sua madre un terribile destino. Il padre di Yuki venne assassinato da un gruppo di uomini che lo usarono per scatenare una rivolta e che abusarono di sua madre.

Quest’ultima, riuscendo a uccidere uno dei suoi aguzzini, finisce in galera, condannata all’ergastolo. Sedotta una guarda per poter dare al mondo una bambina (Yuki), la donna muore di parto ma riesce a inculcare nella propria figlia quel desiderio di vendetta che ancora non si era placato. Ora Yuki è un’assassina professionista, killer spietata, donna bellissima, amante pericolosa…


Lady Snowblood: La Rinascita

 Kazuo Kamimura

Il seguito del lavoro hardboiled di Kamimura e Koike: dopo aver portato a termine la sua vendetta, Yuki vive nascosta, lavorando come insegnante di ginnastica e con un nuovo obbiettivo: insegnare l’importanza di curare la salute del corpo e dello spirito alle nuove generazioni. Ma le sue letali abilità verranno risvegliate ancora una volta, e il sangue tornerà a scorrere…


I fiori del male

Nel 1975 esce, per la rivista “Manga Erotopia”, “I Fiori del Male (Aku no hana)”, che viene definito come un drammatico affresco delle perversioni dell’animo umano.

 Kazuo Kamimura

Gli echi letterari come i riferimenti a De Sade e Mishima sono brillanti e il sodalizio tra la fantasia di Okazaki e il disegno di Kamimura rende questo manga uno dei titoli di punta della rivista. Nel raccontare la tragedia estetica e sociale della protagonista Sayuri, gli autori si soffermano ad analizzare pulsioni e brutalità sessuali mai affrontate da una pubblicazione per adulti.


Il Club delle Divorziate

 Kazuo Kamimura

«Rikon Club, il club delle divorziate» è una serie pubblicata dal 1974 al 1975 sulle pagine della rivista «Weekly Manga Action» di Futabasha (la stessa di «Lupin III» e «Lone Wolf and Cub») e si può considerare uno dei lavori più significativi di Kazuo Kamimura sul tema della donna e sulle dinamiche della quotidianità femminile. Attraverso gli occhi e la vita di Yuko, l’autore affronta con magistrale sensibilità il tema del divorzio, in una chiave poetica che unisce bellezza e malinconia.


L’età della convivenza. Dosei Jida

 Kazuo Kamimura

Pubblicato tra il 1972 e il 1973 sulle pagine di «Weekly Manga Action», L’età della convivenza è il manga che ha consacrato la popolarità di Kazuo Kamimura. Ambientato nel Giappone dei primi anni Settanta, L’età della convivenza è un raffinato e poetico racconto del rapporto tra due giovani che decidono di convivere senza sposarsi.

Sin dai primi episodi, il manga ha raccolto entusiastici commenti, tanto da diventare per un’intera generazione di giovani giapponesi un manifesto in cui identificarsi e vedersi riflessi. Il rapporto tra Kyoko e Jiro, così indefinito e fragile, le loro sfuriate, il loro volersi bene, le loro angosce di giovani alla ricerca di un posto nel mondo ne hanno fatto la coppia emblema del disagio e della follia d’amore.


Una Gru Infreddolita – Storia Di Una Geisha

Pubblicato tra il 1974 e il 1980 sulle pagine della rivista “Big Comic” una gru infreddolita (itezuru) è tra le opere più rappresentative di Kazuo Kamimura (1940-1986) figura centrale del movimento gekiga e del manga in generale. Attraverso la storia di una bambina venduta ad una casa di geisha, l’autore ricostruisce un mondo quasi del tutto scomparso, dove l’eleganza si mescolava al talento, la bellezza alla tristezza e il dolore alla solitudine.

Leggi la recensione qui


Il fiume Shinano

Ambientato nel Giappone del periodo Shôwa, «Il fiume Shinano» è un romanzo di formazione al femminile raccontato attraverso gli occhi della sua protagonista, Takano Yukie. La conosciamo bambina, poi ragazza e infine donna.

La scoperta dell’amore, le prime delusioni, la consapevolezza della propria femminilità. Yukie è un’eroina ribelle e anticonformista, pronta a tutto pur di sacrificare se stessa all’amore. Ma cos’è il vero amore? Perché si ama? E perché non si può smettere di farlo? Nel corso della sua vita, Yukie conoscerà tutte le sfumature dell’amore: materno, delicato, brutale, irrazionale, carnale, disperato e dimenticato. Amori travolgenti e impetuosi come le correnti del fiume Shinano.

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.