Le scuole americane
Libri e Fumetti

Review Party: Get Even. Se puoi, vendicati di McNeil Gretchen

Buongiorno lettori e buon giovedì, oggi partecipo al review party dedicato al romanzo Get Even. Se puoi, vendicati di McNeil Gretchen, edito dalla Dea Planet uscito il 21 luglio. Pronti per sapere cosa ne penso?

Get Even. Se puoi, vendicati di McNeil Gretchen

Get Even
  • Titolo: Get Even – Se puoi, vendicati
  • Autore: Gretchen McNeil
  • Editore: DeA Planet
  • Pagine: 420
  • Genere: Mystery/Thriller
  • Formato: Kindle e copertina rigida
  • Pubblicazione: 21 Luglio
  • Link di acquisto: Qui

È possibile che gli studenti del più prestigioso liceo privato della California non siano in realtà quello che sembrano? Bree, Olivia, Kitty e Margot sorridono, prendono ottimi voti, non rispondono alle critiche e non si fanno mai coinvolgere in alcun tipo di discussione: sono ragazze perfette.

0 forse è ciò che vogliono far credere. Il fatto che non rispondano alle offese o non prendano le parti della compagna più debole non significa che accettino le ingiustizie, i commenti maschilisti e le classifiche in cui sono definite in base alla bellezza del proprio fondoschiena.

Bree, Olivia, Kitty e Margot non insultano mai, non si arrabbiano: loro pareggiano i conti, e lo fanno in modo sottile e irreversibile, con l’umiliazione pubblica. Scelgono una vittima, ideano un piano, lo mettono in atto. Sono ragazze perfette, agiscono in modo perfetto. Fino a che qualcosa non va irrimediabilmente storto e la vittima viene trovata morta tra le mura della scuola, e tutte le prove conducono alle quattro ragazze. E l’inizio di una nuova vendetta… solo che questa volta non è la loro.

Get Even

Recensione Get Even. Se puoi, vendicati

La vendetta non dovrebbe avere confini.W. Shakespare, Amleto, atto IV

Questa è l’apertura del romanzo e che caratterizza principalmente l’intera storia basata dall’autrice.

Get Even si ambienta nella Bioshop DuMarine un liceo prestigioso e di stampo cattolico situato nella Silicon Valley.

La scuola è frequentata da studenti ricchi o da persone intelligenti che riescono a frequentarla grazie alle borse di studio (Siamo ritornati in Élite?). L’Istituto risulta ben curato, ha dei immensi prati, le ore di educazioni fisica si svolgono nei campi da tennis e palestre gigantesche; hanno delle aule di informatica con i computer più aggiornati e migliori pc del mercato e corsi di teatro sono altrettanto migliori, tanto da essere assistite le rappresentazioni da alcuni importanti registri. Insomma la scuola perfetta, non trovate?

Chi dirige questa scuola è Padre Uberti, ma all’interno della scuola non è tutto rosa e fiori. Sappiamo che l’età adolescenziale è leggermente complessa, tra l’altro molti studenti tendono a bullizzare alcuni studenti “diversi” e deboli, così nasce una società segreta per difendere questi studenti e saranno quattro ragazze che alla prima impressione non hanno in comune ma in realtà fanno parte della società chiamata  Don’t Get mad (Non arrabbiarti)conosciuta anche come DGM.

Il bullismo dilagava, dalle ragazze ricche che umiliavano chi non vestiva firmato ai litigi negli spogliatoi, fino ai ricatti durante l’ora del pranzo.

Dall’altra parte per contrastare questa società, Padre Uberti dà vita a un’altra associazione composta dai i ragazzi “Maine Men”, i bulli vanitosi della scuola che hanno il compito di mascherare la DGM.

La Don’t Ged Mad era nata per vendicare coloro che non riuscivano a ottenere giustizia da soli.

Le missioni della Dgm non erano tanto incentrate sull’umiliazione pubblica quanto sul pareggiare i conti tra i potenti e gli impotenti.

Tutto sembra andare liscio, fino a quando uno dei loro bersagli viene trovato morto e con un biglietto indirizzato da parte delle DGM. Quello che sembrava essere una società perfetta, pian piano si sgretola e iniziano litigi, incomprensioni e nessuno si fida e conta più dell’altra.

Ma intanto continuano ad arrivare delle buste gialle dal misterioso autore che ha commesso l’omicidio. Le metterà alla prova, con una serie di indizi per scovare l’assassinio. Riusciranno a scovare l’assassino?

Get Even è un romanzo young adult con tratti di mistery-thriller basato sul sistema scolastico americano. La narrazione in terza persona, viene alternata dai diversi punti di vista dei personaggi, rendendo la lettura fluida e piacevole.

L’autrice riesce a rendere il romanzo non pensante nonostante parli del tema del bullismo e come giusto che sia bisogna affrontarlo nei modi giusti e contrastarlo.

La prima parte vi risulterà lenta e poco fluida, ma penso che sia stata una scelta fatta dall’autrice per poi arrivare nella seconda parte da renderla più coinvolgente, piena di colpi di scena. Insomma, la storia è stata sviluppata a mio parere diversa dai soliti libri ambientati sul sistema scolastico americano e come mistery-thriller. Il primo libro mi è piaciuto molto e nel frattempo sto recuperando anche la serie tv, recentemente adattata da Netflix.


Un ringraziamento speciale a DeA Planet per avermi omaggiata della copia cartacea della serie Get Even e Ylenia di Cronache di Lettrici Accanite per avermi coinvolta nell’evento.

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.