Middlegame
Libri e Fumetti

Blog Tour: Focus On – Middlegame di SeaNan McGuire

Ben ritornati lettori, nuovo appuntamento con il blog tour dedicato al romanzo Middlegame di SeaNan McGuire, edito dalla casa editrice Oscar Mondadori. E’ un focus on dedicato all’autrice e la recensione del romanzo, pronti?

Middlegame di SeaNan McGuire

Middlegame
  • Titolo: Middlegame
  • Autrice: Seanan McGuire
  • Editore: Mondadori
  • Data di pubblicazione: 21 luglio 2020
  • Pagine: 528
  • Link di acquisto: Qui

Ecco Roger. Ha un vero dono per le parole, comprende istintivamente ogni linguaggio e sa che è il potere delle storie a regolare i meccanismi dell’universo.

Ed ecco Dodger. È la sorella di Roger, la sua gemella per la precisione. Anche lei ha un dono, per i numeri: sono il suo mondo, la sua ossessione, il suo tutto. Qualunque cosa le si presenti alla mente, Dodger la elabora con il potere della matematica.

I due fratelli non sono propriamente umani, anche se non lo sanno. Non sono neanche propriamente divini. Non del tutto non ancora.

E poi c’è Reed, esperto alchimista, come la sua progenitrice. È stato lui a dare vita ai gemelli. Non si potrebbe definirlo il loro “padre”. Non proprio. Ma come tutti i genitori, per i due ragazzi ha un piano ambizioso: far sì che raggiungano il potere assoluto, e poi reclamarlo per sé.

Diventare “dei in Terra” è una cosa possibile. Pregate soltanto che non accada.

Recensione Middlegame

Beh, ammetto che Middlegame è un libro dalla trama complicata, difficile da spiegarla in poche righe ma soprattutto mente libera perché è una storia complessa ma allo stesso tempo molto interessante.

I personaggi che troviamo sono Roger e Dodhe, due esseri dalle sembianze e caratteristiche umane creati dagli esperimenti dell’alchimista Reed. Questo alchimista è stato creato a sua volta da uno dei grandi alchimisti più antichi del tempo ovvero Asphodel Baker. Baker è riuscito a raggiungere La Città Invisibile, luogo che custodisce la Dottrina e che se controllato e finisce nelle mani sbagliate, permette di governare il mondo.

Roger e Dodge sono stati creati per una missione, tra l’altro Roger riesce a controllare e manipolare il Linguaggio e Dodge invece attraverso la matematica. I due gemelli sono stati separati e affidanti sin da piccolini, con lo scopo di sviluppare e perfezionare le loro abilità prima di potersi conoscere. Ben presto i gemelli cominciamo ad avvertire una connessione intersensoriale – un legame quantico al livello di percezione che li unisce. Questo fa sì che i due ragazzini permettano di divenire una persona unica e permettono di poter sfruttare la mente per parlare e di vedere attraverso gli occhi dell’altra persona, insomma un po’ come Denny e Abra in Doctor Sleep.

Questa connessione per l’alchimista Reed viene vista come una debolezza e sconfitta, specialmente al raggiungimento dell’entrata della Città Invisibile. Dunque, sono oggetto di fallimento ed eliminazione, ma i due gemelli non hanno nessuna intenzione di separarsi e morire. Vogliono solo scoprire la verità.

Middlegame

Senza scendere nei dettagli Middlegame è un romanzo che va letto con calma, senza pensieri e soprattutto tener d’occhio tutti i dettagli che ci vengono regalati all’interno della storia. Eh sì, la chicca in particolare in Middlegame è l’alchimia che da sempre si occupa di varie discipline scientifiche e non (fisica, chimica astrologia, metallurgica e medicina). E colui che riesce a manovrare i simboli, degli elementi naturali ed esperto conoscitore delle pratiche magiche, l’alchimista è conosciuto per diversi scopi: la ricerca dell’onniscienza, della quinta essenza, della pietra filosofale, della panacea e della trasmutazione.

Perché questa “magia” se vogliamo chiamarla così mi ha sempre affascinata ma allo stesso tempo è un qualcosa di folle e malefico. Armatevi di appunti di fisica quantistica e viaggi nel tempo, perché qui prevalgono tutto il tempo e io me ne sono innamorata. non lo nego mica, eh! –

Preparatevi anche ai trip mentali dovuti alle linee temporali dove Dodge del futuro chiamerà il Roger del passato che a sua volta chiamerà Dodge del passato e così via. – per un momento non ci ho capito nulla, ahah! –. I gemelli nonostante siano stati creati per essere separati e per uno scopo, questi due riescono a sincronizzare tutti i loro movimenti. Posso dire che per i caratteri sono due gocce differenti: Dodge è impulsiva, irascibile e menefreghista, dall’altra parte abbiamo Roger che è calmo, ragionevole, intelligente e soprattutto si preoccupa per gli altri rispetto a sua sorella. Due personaggi che si possono amare ma allo stesso tempo si odiano.

Insomma è inutile dirvi quanto abbia amato Middlegame e quanto adori la parte dell’alchimia e i viaggi nel tempo.


Conosciamo l’autrice SeaNan McGuire

Mira Grant è nata e cresciuta nella California del Nord, è scrittrice di urban fantasy e thriller fantascientifici, nonché musicista del genere Filk (Pretty Little Dead Girl: Seanan McGuire and Friends Live at OVFF 2005 (2006) Stars Fall Home (2007) Red Roses and Dead Things (2009)Wicked Girls (2011)), si è specializzata nel corso di laurea di Film Horror. E’ stata una tra le fondatrici del Horror Movie Sleep-Away Survival Camp.

Middlegame
Middlegame

Attualmente vive in una fattoria con un assortimento di gatti, film horror, fumetti e libri che parlano di malattie orribili. Nel tempo libero viaggia, le sue mete preferite sono Seattle, London e quello di un labirinto di grano inquietante del Huntsville, in Alabama.

McGuire è stata insignita del premio John W. Campbell per la miglior sceneggiatura del World Science Fiction Convention del 2010. Il romanzo breve Every Heart A Doorway ha ricevuto il premio Nebula 2016 come miglior romanzo breve, il premio Hugo 2017 come migliore romanzo breve, e il premio Locus 2017 come migliore romanzo breve.

Scrivendo sotto lo pseudonimo di Mira Grant, ha pubblicato la serie Newsflesh (thriller politico e storie di zombie) che comprendente i romanzi Feed (2010), Deadline (2011), Blackout (2012, candidato al premio Hugo 2013 come miglior romanzo) e Feedback (2016). Inoltre, nel 2017, The Wine in Dreams è stato pubblicato come parte della raccolta di romanzi brevi Star Wars: Canto Bight, in abbinamento al film del 2017 Star Wars: Gli ultimi Jedi.

Nel 2013 McGuire ha raggiunto il primato di cinque candidature al premio Hugo nello stesso anno, due per opere come Grant e le altre tre con il proprio nome.


Un ringraziamento speciale a Oscar Mondadori per avermi omaggiata della copia digitale.

Sono Zeldaゼルダ,classe 1999, studentessa di Lingue e Culture Moderne. Amante di fumetti, manga, graphic novel. Gioco ad un po' di tutto, ma tendo a prediligere titoli retro e horror, psicologici e indie. I due titoli del cuore sono The Legend of Zelda e FFVII. Dal 2016 mi occupo di Appunti di Zelda uno spazio nerd dal punto di vista di una ragazza.