Iniziative

Blogger uniti per le librerie indipendenti

Blogger da tutta Italia si uniscono per sostenere le librerie indipendenti
Una rete informativa formata da oltre 30 blogger, in sole 24 ore

Il mondo editoriale e culturale italiano sta vivendo uno dei momenti più difficili della storia moderna. Il lockdown sta mettendo in ginocchio alcuni tra i più importanti presidi culturali: le librerie indipendenti, luoghi di incontro, scambio di idee, rifugio per ogni stato d’animo. Realtà che rischiano di subire un crollo da cui è difficile rialzarsi.

I dati

Secondo dati di Ali Confcommercio, l’associazione di categoria dei librari italiani, la chiusura delle librerie dal 23 febbraio al 25 marzo (la data che consentiva la riapertura stando a un precedente decreto) provocherà perdite di fatturato di circa 47 milioni di euro, pari a circa 16,5 milioni di euro di utili lordi.

In questo scenario così drammatico, cosa è possibile fare per essere d’aiuto? Chi può dare un contributo concreto per far sì che le librerie possano continuare ad esistere?

Questo si è domandata Erika Zini, giornalista e blogger, che da anni opera in ambito letterario con trasmissioni su Radio, TV e presentazioni in Librerie e Festival.

la risposta è stata tanto semplice quanto spiazzante: i blogger, che spesso sono considerati gli outsider del mondo editoriale, sono in realtà coloro a cui i lettori si affidano maggiormente per sapere tutto sui libri, sono tanti e sono distribuiti capillarmente nel nostro paese.

E se ognuno, nel proprio angolo di web, potesse parlare delle librerie indipendenti della propria zona, facendole conoscere e facendo sapere che sono operative anche se non aperte al pubblico?

L’iniziativa è piaciuta così tanto che in sole 24 ore hanno aderito oltre 30 blog da 15 regioni d’Italia e sono continuamente in aumento con il solo passaparola.

Questa iniziativa avrà la sua partenza il 6 aprile quando la più grande rete di blogger italiani si sintonizzerà sulle frequenze delle librerie indipendenti della propria zona per portarle ai loro lettori.

“Insieme siamo più forti e potremo superare anche questo momento difficile” sostiene Erika Zini, ideatrice dell’iniziativa “perché è importante che ognuno di noi dia il proprio contributo perché nessuno è troppo piccolo per poter cambiare il mondo”.

Come da comunicato stampa, anch’io ho aderito all’iniziativa per la città in cui vivo da studente fuori sede e sono lieta di segnalarvi tre librerie indipendenti di cui mi sono innamorata a prima vista da quando sono ospite a Genova.

Bookowski
Bookowski è una libreria indipendente e luogo di aggregazione, punto
di raccolta di libri usati, piccola editoria, vinili, autoproduzioni.
Ospita reading di poesia, concertini intimi, presentazioni su temi
d’attualità, workshop e corsi… un luogo che accoglie persone, cose.

Questa micro/macro realtà coabita in 40 mq che si affacciano su Piazza
Valoria, caratteristico scorcio del centro storico di Genova, a pochi
passi dalla cattedrale.

L’attività di Bookowski è resa possibile dalla rete locale creata nel tempo: soprattutto tramite il passaparola, donazioni/vendite periodiche “rifocillano” gli scaffali della libreria, che si rinnovano continuamente grazie al contributo di chi ha voglia di
continuare a far “girare” e circolare i libri, donandogli così una
seconda, terza o ennesima vita.

Bookowski
L’amico Ritrovato
L’AMICO RITROVATO apre nell’ottobre 2014, nel cuore del centro storico di Genova. La libreria si caratterizza per un’ampia sezione dedicata ai lettori più piccoli e per un’attenta selezione di titoli di narrativa e saggistica, senza però farsi mai mancare le ultime novità del mercato editoriale.

L’amico Ritrovato
La locanda delle favole
Grandi storie, pareti da colorare senza timore e torte fatte in casa, il tutto condito da un pizzico di magia: sono questi gli ingredienti di “La locanda delle favole”, nuovo bar libreria per bambini e ragazzi aperto da pochi giorni in vico del Ferro, a pochi passi da via Garibaldi.

Altre librerie indipendenti a Genova
Libreria editrice esoterica Amenothes, Ardy Bernardino, Libreria Buenos Ayres Sas, La Libreria del Centro Storico, Libreria Remainders Italiana Srl,
Avalon Shop di Libreria Editoriale, Hoepli Libreria Bruzzo, Libreria Bozzi libreria più antica d’Italia è ambita fondata nel 1810.

Segnala una libreria indipendente
Nel caso non trovate una libreria o siete una libreria indipendente e volete segnalarvi nell’articolo, mandate un email a [email protected]

Per le altre librerie segnalate vi lascio la lista delle blogger aderenti in questo bellissimo progetto:

A Book for a Dream, Babbling_babook, Chiacchiere Letterarie, Chronicles of a Bookaholic, Coccole tra i libri, Co’s Notebook, Erika Zini, Esmeralda Viaggi e Libri, Eynys Paolini Books, Fantasticando sui libri, I miei deliri da lettrice, I miei magici mondi, I sussurri delle Muse, Il libro sulla finestra, J. A. Windgale, Katy Booklover, La libreria di Yely, La nicchia letteraria), La ragazza che si nasconde dietro un libro, Libri & Segreti, Libri,libretti, libracci, Libri Riflessi, Pastafrolla Legge Libri, Rachel Sandman Author, Scrivere mi piace – Blog, Sil-ently aloud, The library of Jane, The mad otter, Tra sogno e realta 98, Universi Incantati.

Heinz Beck diceva che la cucina non è mangiare. È molto, molto di più. Cucina è poesia. Per me la cucina è ben oltre le apparenze, è un gesto d'amore e così nascono le mie ricette insieme a tutte le foto correlate.Zelda's Kitchen è il blog di cucina attraverso libri, ricette e viaggi dal 2013.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.